Milan-Juventus, tanti recuperi e due grandi dubbi per Allegri

di Gianni Monaco 23 Febbraio 2012 11:20

Mancano poco più di 48 ore alla grande sfida. Milan e Juventus non si giocano lo scudetto, ma una bella fetta di titolo. Chi dovesse vincere, avrebbe un vantaggio psicologico fondamentale per il resto del campionato. In casa bianconera sono praticamente tutti disponibili. Allegri, invece, deve sempre fare i conti con le molte assenze. Contro il Cesena il tecnico aveva dovuto fare a meno di 12 elementi, con la Juventus il numero sarà un po’ più basso.

Veniamo a chi sicuramente non disputerà il match di sabato: oltre ai soliti Cassano e Gattuso, non ci saranno Merkel, Strasser e Aquilani. Quest’ultimo ha ripreso ad allenarsi da qualche settimana, ma sente ancora dolore alla caviglia: il suo rientro è previsto fra una decina di giorni. Ma, visto il recupero ormai completo di Flamini e l’arrivo di Muntari, Aquilani può lavorare sereno.

Chi sta facendo di tutto per giocare sabato è Kevin Prince Boateng, anche se le chance sono ridotte al minimo: fino a ieri non ha potuto lavorare col gruppo.

Infine c’è il capitolo Zlatan Ibrahimovic. Oggi si deciderà se la squalifica verrà ridotta da 3 a 2 giornate. In quest’ultimo caso, lo svedese potrebbe scendere in campo già contro la Juventus. Altrimenti, rientrerà col Palermo.

Commenti