Zarate vuole andarsene dall’Inter

La punta argentina tornerebbe alla Lazio per giocarsi le proprie chances.

di Alessandro Mannocchi 24 maggio 2012 15:30

Il suo futuro è segnato. Stiamo parlando dell’attaccante dell’Inter Mauro Zarate. La dirigenza neroazzurra quasi sicuramente non riscatterà l’argentino, andato a segno solo due volte nella stagione appena conclusasi.

“Sono pronto a tornare alla Lazio e sarò più forte di prima…”. Queste le parole rilasciate dal giocatore sul proprio profilo Twitter, divenuto una vera e propria valvola di sfogo per le stelle del calcio. A rafforzare questa ipotesi, ci ha pensato il fratello agente Sergio: “Senza Reja si aprono nuovi scenari. Se la nuova guida tecnica dimostrerà di voler puntare su Mauro e ci saranno le possibilità di rispettare il contratto che lo lega alla Lazio, potrebbe rimanere».

L’Inter, complice il gol decisivo realizzato a Mosca che portò la formazione di Ranieri agli ottavi di Champions, ha vacillato. Lo stesso Stramaccioni non ha nascosto che gli sarebbe piaciuto continuare a lavorare con Zarate, per farlo tornare l’atleta di qualche anno fa. Ma il vero scoglio è di natura economica. La dirgenza neroazzurra infatti, per rilevare l’intero cartellino della punta dovrebbe sborsare la somma di 15,2 milioni di euro, decisamente troppi.

Il futuro di Zarate a Roma dipende molto anche dall’allenatore che Lotito sceglierà. Sarà Donadoni o è probabile un ritorno di Zeman? Vedremo, possiamo solo dire che se la scelta ricadrà su uno dei 2, Zarate si troverebbe a meraviglia, visto che entrambi praticano un calcio iperoffensivo e altamente spettacolare. Non dimentichiamoci poi che i tifosi della Lazio, nonostante la cessione all’ultimo giorno di mercato, non hanno mai dimenticato le giocate dell’argentino e accoglierebbero a braccia aperte un suo ritorno.

Ricordiamo che la Lazio sta seguendo pure l’attaccante del Trabzonspor Burak Yilmaz, autore di ben 32 gol in 31 presenze nel campionato turco. Se si aggiunge la conferma di Klose e il probabile arrivo di Zarate appunto, il reparto offensivo dei biancoazzurri diventerebbe davvero molto temibile.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti