Furto in casa Zarate: derubato mentre dormiva

I malviventi hanno portato via un iPad, soldi e gioielli da casa dell'attaccante laziale, che, al momento, non si è accorto di nulla.

di Simona Vitale 9 Ottobre 2012 18:46

Non è certo un bel periodo per Mauro Zarate, attaccante argentino della Lazio, sia dentro che fuori dal campo. Il giocatore, infatti, nel cuore della notte tra domenica e lunedì è stato derubato in casa, mentre all’interno dell’abitazione c’erano lui, la moglie e la figlioletta di 9 mesi. I ladri si sarebbero introdotti in casa di Zarate da un ingresso secondario. Sembra che la coppia abbia dimenticato di inserire il sistema d’allarme e i ladri avrebbero dunque forzato una porta finestra al piano terra senza incontrare particolari problemi.

A quanto pare, i malviventi sono dei seri professionisti e avrebbero rubato tutto quello che era a vista d’occhio: un i-Pad,dei soldi, e anche dei gioielli. Per il momento il furto non è ancora stato denunciato alle forze dell’ordine. Del furto fino a ieri non si sapeva nulla, solo grazie ad un tweet della signora Zarate, che non nasconde la sua paura, l’episodio è stato reso noto. “Vivere in un comprensorio privato non ti regala nessuna sicurezza, detesto i ladri, grazie a Dio non ci hanno fatto nulla”, queste le parole di Natalie Weber, moglie dell’attaccante.

Meno di un mese fa, ad essere preda dei ladri, fu un campione dei rivali romanisti. Parliamo di Erik Lamela che stava traslocando. In quell’occasione i ladri hanno portato via soltanto un orologio di plastica di Dolce & Gabbana,un paio di pantaloni e un salvadanaio.

Dopo due giorni altri due ladri sono entrati nella villa di Juan e hanno poi rubato gioielli per un valore complessivo di 40.000 euro. I preziosi erano appoggiati su di un mobile. I ladri fecero scattare l’allarme ed un vicino si era svegliato a causa del suono della sirena, vedendo scappare i due ladri. Le telecamere di sorveglianza avevano ripreso le immagini che però, infine, non si sono rivelate utili ai fini delle indagini.

Commenti