Napoli, derubato l’agente di Cavani. “Ma Napoli è una città fantastica”

di Simona Vitale 18 Dicembre 2011 11:39

Continua l’attacco di malviventi ignoti ai danni di compagne o persone vicine dei giocatori del Napoli. Dopo la casa di Cavani svaligiata dai ladri, dopo il tentato furto ai danni della signora Hamsik, dopo la rapina ai danni delle fidanzate di Fideleff e Lavezzi, stavolta è toccato all‘agente di Edinson Cavani, essere vittima di una coppia di banditi. Claudio Anellucci, 43 anni, romano, stava percorrendo in macchina con la compagna il trafficatissimo Corso Garibaldi della città partenopea, quando due uomini su di un motorino e con il volto coperto dal casco si sono avvicinati all’auto e hanno rotto il vetro anteriore con il calcio della pistola, intimando l’agente di Cavani di consegnar loro ciò che aveva.

I due malviventi hanno anche allungato il braccio puntando la pistola verso la compagna di Anellucci, incinta di 7  mesi, dicendo all’uomo che avrebbero sparato se non avesse a loro dato tutto. Anellucci ha dunque consegnato l’orologio Rolex, del valore di circa 7.000 euro, e portafogli ai due ignoti malfattori. L’agente ha poi dichiarato: “Ci tengo a dire che la città di Napoli è fatta da persone eccezionali e, così come in molte metropoli, c’è anche gentaglia. Comunque, Napoli non può essere rovinata da 20, 30, 40 o 50 delinquenti”.

Commenti