Galliani in vena di paragoni: “Ecco a chi somiglia El Shaarawy…”

Il dirigente rossonero dopo la vittoria contro il Catania dedica alcune dichiarazioni

di Ivano Sorrentino 1 dicembre 2012 14:07

Ancora una volta il Milan viene trascinato dal quello che al momento è il suo giocatore più rappresentativo: El Shaarawy. Anche al Massimino di Catania il “Faraone” ha dato spettacolo trascinando i suoi compagni verso tre punti importantissimi che permettono al Milan di rilanciarsi prepotentemente in campionato ottenendo la seconda vittoria di fila. Strano che a tirar fuori i rossoneri dai guai ci sita pensando un calciatore che lo scorso anno soffriva sicuramente la presenza di un gigante come Ibrahimovic, e che quest’anno godendo di più libertà si sta prepotentemente affermando a suon di reti. El Shaarawy infatti continua insistentemente a segnare e guida la classifica dei cannonieri.

I tifosi rossoneri stravedono letteralmente per il giovane giocatore e anche la dirigenza ne sembra essere letteralmente innamorata. Nel dopopartita di ieri infatti Galliani ha parlato di El Shaarawy paragonandolo ad un altro grande giocatore contemporaneo: “E’ al di sopra di ogni nostra aspettativa. Ha fatto 20 anni la settimana scorsa e non so quanti attaccanti della sua età stanno segnando con questa continuità. Come lui al mondo c´è solo Neymar. Quando è arrivato dal Padova aveva un sacco di problemi fisici ma adesso sta bene ed è uno dei talenti maggiori che ci sono al mondo. Calcia in maniera strepitosa e mette la palla dove vuole con un grande senso del goal”.

Il brasiliano Neymar infatti è un vero e proprio top player, cercato da tantissimo top club europei proprio per le sue magie e per la sua capacità di andare in gol con estrema facilità. Sappiamo benissimo che l’esterofilia italiana è molto forte anche nel calcio ma negli ultimi mesi possiamo tranquillamente affermare che il nostro giovane talento non ha niente da invidiare al brasiliano, anzi. Ora il “Faraone” deve soltanto continuare su questa strada per cercare di trascinare la sua squadra più in alto possibile dopo un avvio difficile.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti