Calciomercato, la nuova rivoluzione dell’Udinese tra addii e arrivi

di Gianni Monaco 29 Febbraio 2012 13:34

Ogni anno l’Udinese vende alcuni dei suoi pezzi pregiati per prelevare sconosciuti destinati a fare il salto di qualità nelle big. Sarà così anche nella prossima stagione. I Pozzo, grazie al calciomercato estivo, hanno incassato la bellezza di quasi 70 milioni di euro cedendo Alexis Sanchez (Barcellona), Gokhan Inler (Napoli) e Cristian Zapata (Villarreal).

I nomi dei calciatori che potrebbero lasciare Udine sono ormai noti. Maurcio Isla, attualmente infortunato, piace moltissimo a Inter e Roma. Lo stesso centrocampista cileno ha ammesso che c’è una sorta di patto coi Pozzi per cambiare squadra a giugno. Anche Medhi Benatia ha fatto intendere che a fine stagione potrebbe andarsene. Sul giovane difensore ci sono soprattutto i club stranieri: Psg e Manchester United.

Al Milan piacciono sia Pablo Armero, sia Kwadwo Asamoah. Probabilmente il più utile sarebbe il colombiano, visto che fa il terzino sinistro, un ruolo in cui storicamente i rossoneri hanno avuto difficoltà nel dopo Maldini. Asamoah, invece, ha caratteristiche simili a quelle di Sulley Muntari, appena arrivato dall’Inter, e che fra l’altro è un ex dell’Udinese. Ma sul ghanese sono attenti anche altri club.

Il valore di mercato di questi 4 giocatori oscilla tra i 15 e i 20 milioni di euro. Non è detto che andranno tutti via, ma è pressoché certo che qualcuno di loro sarà ceduto.

Ma in casa friulana non c’è ansia per il futuro, visto che ce l’hanno già in casa. Avete notato le ottime prestazioni di Juan Quadrado e Luis Muriel? Il centrocampista e l’attaccante, entrambi colombiani, stanno trascinando il Lecce verso una clamorosa rimonta che potrebbe condurre alla salvezza in Serie A. Sia Quadrado, sia Muriel, appartengono all’Udinese e sono in Puglia in prestito. Il centrocampista colombiano, 24 anni, ha già disputato due stagioni coi friulani. Non aveva particolamente entusiasmato, ma da quando è al Lecce (in particolare da quando c’è Cosmi) si sta imponendo nel suo ruolo come uno dei migliori della A: velocità e resistenza fisica le sue doti principali. Muriel, invece, ha 21 anni, ed è dotato di tecnica raffinata, anche se deve migliorare notevolmente in zona gol. Entrambi dovrebbero tornare alla base e hanno tutte le possibilità di fare la fortuna dell’Udinese.

Commenti