Barcellona-Milan, le pagelle: Nocerino indomabile, poco Ibra

Le pagelle della partita tra Barcellona e Milan, che ha visto i Blaugrana prevalere e passare alle semifinali.

di Ivano Sorrentino 3 Aprile 2012 23:34

Niente da fare, il Milan non riesce nell’impresa di strappare al Barcellona l’accesso ai quarti di finale di Champions e abbandona la competizione con onore. La dea bendata infatti non è stata vicino alla squadra italiana, e , sopratutto nell’occasione che del terzo gol che di fatto ha chiuso la partita, il Barcellona invece è stato fortunato. Ecco le pagelle della squadra di Allegri:

Abbiati 5,5: si allunga ma non riesce a parare il primo rigore di Messi pur intuendo l’angolo, nel secondo tempo esce spesso in maniera avventata.

Nesta 5: l’arbitro è stato generoso a concedere il secondo penalty, ma un difensore della sua esperienza non può trattenere un avversario così platealmente.

Antonini 4,5: entra con circa un’ora di ritardo su Messi procurando di fatto il primo calcio di rigore.

Abate 6: ogni tanto prova a spingere.

Mexes 5,5: si fa sentire soprattutto con calci e spintoni.

Seedorf 6: non male nel primo tempo ma cala incredibilmente nella ripresa e Allegri lo sostituisce.

Ambrosini 5,5: poteva sicuramente far sentire di più il suo fisico in mezzo al campo.

Boateng 6: ci mette tanta buona volontà e la sua velocità spesso mette in difficoltà gli esterni catalani.

Nocerino 7: non chiamatelo più “sorpresa”. Il centrocampista del Milan dimostra ancora una volta di essere diventato un grande giocatore, sfodera un ottima prestazione contro avversari molto più forti tecnicamente e regala al Milan anche il gol del momentaneo vantaggio con un grande inserimento.

Ibrahimovic 6: si fa vedere poco, la sufficienza la guadagna solamente con l’assist per Nocerino in occasione del gol dell’1-1

Pato 4: entra e dopo pochi minuti esce. Galliani avrebbe fatto bene a cederlo al PSG per oltre 30 milioni perchè al momento ne vale molto di meno, fragile e friabile, al momento è un ex giocatore.

Allegri 6,5: fa quel che può e non si può dire che nel doppio confronto il suo Milan non se la sia giocata, contro i catalani però sarebbe stata importante anche un po’ di fortuna. Sarà per l’anno prossimo.

Commenti