Tifosi del Milan contro la società, ecco cosa vogliono fare

Il tifo organizzato rossonero non ha digerito le cessioni dei top player e ora si è schierato apertamente contro la società.

di Ivano Sorrentino 21 luglio 2012 13:13

Il tifo organizzato del Milan continua la sua battaglia verso le società del presidente Silvio Berlusconi. La “curva sud”, covo dei tifosi rossoneri più accesi, ha infatti fatto partire un’iniziativa più unica che rara nel calcio italiano. I tifosi infatti voglio compiere una class action contro la società e si sono già recati al Codacons che ha già dichiarato di appoggiare in pieno l’azione della tifoseria. Il motivo di questo gesto è da cercare nella campagna abbonamenti, secondo i tifosi infatti il Milan ha adottato una vera e propria manovra ingannevole con lo scopo di accaparrarsi i soldi dei tifosi in maniera non propriamente corretta.

Ecco spiegato il pensiero dei tifosi: secondo loro la società, visto le poche tessere sottoscritte nel periodo iniziale, ha cercato di impennare le vendite mettendo in scena il finto trattenimento di Thiago Silva con lo scopo di accontentare i tifosi e cercare di portarli al botteghino. Secondo i supporters però, visto che poi il brasiliano è stato ceduto insieme ad Ibra, tutta la manovra era palesemente falsa e il Milan già sapeva di dover cedere i due top player. Proprio per questo la tifoseria si sente presa in giro e minaccia una vera e propria azione legale contro la società. I tifosi che hanno sottoscritto l’abbonamento infatti si sentono truffati e vogliono assolutamente i loro soldi indietro.

Anche l’associazione consumatori è dalla parte dei tifosi e il presidente Marco Maria Donzelli ha così dichiarato:È evidente che se un tifoso paga l’abbonamento allo stadio per vedere le stelle della sua squadra e queste vengono vendute ha tutto il diritto di farsi ridare i soldi“. Il problema però è che in Italia non si era verificato mai un caso simile e quindi sarà la prima volta che i giudici si troveranno a fronteggiare questo problema. Intanto i vertici societari tacciono e la rabbia dei tifosi cresce sempre di più.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti