Presentato Borriello, ecco le prime parole del neo bianconero

di Ivano Sorrentino 11 Gennaio 2012 19:08

Si è tenuta questa mattina la presentazione ufficiale del nuovo acquisto della Juventus Marco Borriello. L’attaccante partenopeo si è infatti presentato ufficialmente alla stampa mostrando grande disponibilità nel rispondere alle domande dei giornalisti. L’attaccante, che ha scelto la maglia numero 23, è già a disposizione di mister Conte e in molti lo danno già come possibile titolare nella sfida che vedrà nella prossima giornata di campionato la Juventus opposta al Cagliari. Ovviamente le prime domande dei giornalisti hanno subito riguardato la discutibile accoglienza che i tifosi della vecchia signora hanno riservato al bianconero. Allo stadio di Lecce infatti i molti juventini presenti stesero uno striscione recitante “Borriello mercenario senza onore”, l’attaccante però non ci sta ed ha risposto ai tifosi:

“Mi è dispiaciuto vedere quello striscione a Lecce – queste le prime parole del giocatore, in vita mia mi sono sempre comportato con dignità fuori e dentro il campo, e ho grande rispetto per i tifosi della Juve. Lo striscione di contestazione è stato dettato dalla cattiva informazione: io non ho mai rifiutato questo club. Il Milan decise di cedermi dopo aver preso Ibra, la Roma si fece subito viva per prendermi a titolo definitivo mentre la Juve non poteva. Non mi sono mai vantato di aver rifiutato la Juve; se oggi mi viene data una possibilità in bianconero è perché mi sono comportato bene. Ho voglia di rivalsa e di mettermi in mostra, ho 5 mesi per convincere la Juve e i tifosi. Fisicamente sto bene: oggi o domani tornerò in gruppo dopo un problemino agli adduttori”.

Vedremo dunque se effettivamente il giocatore napoletano riuscirà a ritagliarsi un posto nel cuore di quei sostenitori che oggi guardano con scetticismo il suo arrivo alla corte di Conte. Il primo ostacolo da superare per Borriello sarà innanzitutto la concorrenza con Alessandro Matri, visto inoltre che il giocatore ha anche segnato nell’ultima partita di campionato.

Commenti