Panzer General Bayern

Il Bayern fa sei su sei, ma il Borussia Dortmund risponde con Reus. L'Hoffenheim in campo ma la testa è a Vukcevic. Resurrezione dello Stoccarda.

di Antonio Pio Cristino 30 Settembre 2012 11:55

Il Bayern è un caterpillar o meglio, un panzer, gioia e orgoglio della wehrmacht teutonica durante il secondo conflitto mondiale. I rossi bavaresi collezionano l’ennesima vittoria in questo inizio 2012/13 in Bundesliga, la sesta in altrettante gare giocate, ma soprattutto la ottengono con sorprendente facilità. Di scena sul campo del Werder Brema, la squadra di Heynckes macina gioco pur riuscendo a sbloccare il risultato solo nei minuti finali grazie ad un uno due letale firmato da Luiz Gustavo e dal capocannoniere del campionato Mandzukic tra l’81’ e l’83’.

LE RIVALI – In attesa della gara della vice capoclasse Eintracht Francoforte impegnata questo pomeriggio in casa contro il Friburgo, solo il Borussia Dortmund riesce a rispondere alla capolista con un pokerissimo inflitto al Moenglabdach. L’ex del match, il giallonero Marco Reus, si scatena contro la squadra che lo ha lanciato nel firmamento dei campioni, realizzando una doppietta spettacolare. Da incorniciare il terzo goal della gara segnato dall’attaccante, un colpo di biliardo ad incrociare che scavalca l’incolpevole portiere ospite. Il difensore SuboticGundogan e Blaszczykowski completano la festa del Westfalenstadion.

Rallenta l’Hannover, sconfitto 1-0 da un Amburgo ormai in piena ripresa (sette punti in tre gare) grazie al goal del lettone Rudnevs, mentre l’anticipo del venerdì, il sorprendente derby di alta classifica tra Dusseldorf e Schalke 04, si chiude senza vinti e vincitori. L’astro nascente Dani Schanin, quattro goal in questo inizio di stagione, risponde con una doppietta alle prime due reti del match di marca Schalke (Huntelaar e Matip). La doppietta di Sam contro il Furth rilancia invece le quotazioni del Bayer Leverkusen.

RESURREZIONE STOCCARDA – Lo Stoccarda di Cristian Molinaro si prende lo scalpo del Norimberga dando momentaneamente tregua alla difficile situazione di mister Bruno Labbadia. Ibisevic, dopo pochi secondi dal fischio d’inizio, e l’austriaco Harnik sigillano la gara del ‘Nurnberg’. Per i bavaresi si tratta della terza sconfitta consecutiva condita da due reti siglate e otto subite.

HOFFENHEIM PER VUKCEVIC – Con l’ansia nel cuore per le sorti del proprio compagno di squadra Vukcevic, l’Hoffenheim scende in campo e pareggia tra le mura amiche contro il fanalino di coda Augusta (0-0). Il valore del risultato passa però in secondo piano dinanzi all’attesa per le condizioni del centrocampista ventiduenne vittima di un pauroso incidente frontale con un camion nella serata di venerdì.

Commenti