Lazio, emergenza gol. Petkovic ne chiede di più

L'allenatore della Lazio sprona il suo reparto offensivo a segnare un maggior numero di reti.

di Ivano Sorrentino 3 novembre 2012 13:47

La Lazio ha cominciato in maniera superlativa il campionato. La squadra biancoceleste infatti si è subito stabilità nelle prime posizioni, da due gare però i biancocelesti sembrano aver perso parte della voglia mostrata nelle prime otto giornate. Gli uomini di Petkovic infatti stanno facendo fatica sopratutto nel reparto offensivo, proprio quando l’attacco era stata una delle armi di forza dei baincocelesti nelle scorse partite. Al momento la Lazio è reduce da due partite non proprio brillanti: la sconfitta di Firenze ed il pareggio casalingo contro il Torino. Proprio per questo Petkovic chiede una svegliata alla squadra:“Mi aspetto qualche gol in più. Quando hai l’occasione di giocare dal 1′, devi lasciare un timbro. Nell’ultima partita abbiamo trovato il goal di Mauri e ora mi aspetto segnali positivi per la squadra anche da loro”.

Se il reparto avanzato deve aumentare la mole di reti molto dipenderà anche dal recupero totale di Mauro Zarate un giocatore che sicuramente può assicurare qualità, come spiega lo stesso Petkovic:“Dipende solo da lui. In questi ultimi giorni l’ho visto un po’ meglio, con la voglia di dimostrare il suo valore e questo mi rincuora”.L’argentino potrebbe tornare in lizza per una maglia se il tecnico dovesse cambiare modulo:“Prima deciderò chi gioca e in base a quello vedremo come metterli al meglio in campo. Le due punte? Può essere, anche se nel secondo tempo contro il Torino siamo andati meglio con Mauri in appoggio. Dobbiamo fare in modo che la squadra funzioni al meglio”.

La trasferta di Catania è alle porte e quindi la Lazio deve subito cercare di invertire la rotta delle ultime due gare e provare a conquistare i tre punti su un campo molto difficile. Petkovic risponde infine ad alcunee domande relative alla formazione contro i rossazzurri:“Non sono preoccupato per niente, abbiamo perso troppi punti per alcuni errori e mancanze di concentrazione. Sicuramente come allenatore ho il dovere di pensare anche a quello che verrà, ma quello che deve interessarci è dare il massimo a Catania”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti