La telenovela Jovetic sembra finita, ecco il verdetto

Il presidente viola Della Valle ha avuto un lungo colloquio con il calciatore montenegrino nella giornata di ieri.

di Ivano Sorrentino 26 Luglio 2012 19:57

Va avanti ormai da diverse settimane la telenovela legata al possibile addio di Stevan Jovetic alla Fiorentina. Il giocatore montenegrino è infatti uno dei più ricercati del calciomercato con diverse squadre che si sono fiondate su di lui non appena il giocatore ha dato segnali di voler cambiare aria. La squadra che era maggiormente sul giocatore era senza ombra di dubbio la Juventus di Antonio Conte, con i bianconeri che erano già pronti a versare una significativa cifra nelle casse della Fiorentina per acquisire le prestazioni del giocatore.

A quanto pare però non ci sarà alcun trasferimento. Nella giornata di ieri infatti il presidente della Fiorentina Della Valle si è recato a Moena, sede del ritiro della squadra toscana, per parlare con il giocatore riguardo al suo futuro. In molti avevano intuito che il finale della telenovela sarebbe proprio scaturito da questo incontro ed in effetti così sembra siano andate le cose. Appena uscito dalla riunione avuta con Jovetic il presidente Della Valle ha così dichiarato:”Ho parlato con Jovetic e gli ho detto che è incedibile per vari motivi, mi auguro che l’abbia capito: è talmente giovane, ha una lunga carriera, ora è importante che resti a Firenze”.

Il presidente viola ha poi maggiormente approfondito:“Jovetic deve rimanere con noi, almeno un altro anno e mi auguro anche per altri. E’ uno dei pochi talenti europei, quindi è giusto che rimanga. Stevan mi è sembrato abbastanza sereno, deve capire che nella vita gli capiteranno altri treni in futuro. Sapete come ragioniamo come società, basta parlare con Toni e Mutu. Sapete che ho rinunciato a circa 45 milioni per loro. Ora rinunciamo all’offerta per Jovetic e così in totale arriviamo a 70”. Insomma il talento montenegrino resta in Toscana e la vicenda sembrerebbe essersi chiusa qui, il condizionale però è sempre d’obbligo fino alla chiusura del calciomercato.

Commenti