Juve: “troppe tre gare in sette giorni”

La capolista del campionato di serie A perde a Roma, punita da un gran goal di Francesco Totti. Antonio Conte dà la colpa alla stanchezza e alla poca coesione

di Antonio Pio Cristino 17 febbraio 2013 10:26

Una Juve stanca, lenta, poco lucida e scarsamente incisiva è affondata nella Capitale, colpita dal bellissimo ‘siluro’ lanciato da Francesco Totti ad inizio ripresa. La Roma si è svegliata così nel migliore dei modi da un periodo da incubo, battendo una delle sue rivali storiche al termine di una gara tutt’altro che bellissima. Infatti nel primo tempo del secondo anticipo della venticinquesima giornata di serie A, le due squadre si erano affrontate cercando di rompere l’equilibrio senza riuscirvi. La Roma con Osvaldo e la Juve, grazie ad un calcio di punizione pennellato dal solito Andrea Pirlo, avevano sfiorato il colpo grosso nei primi quarantacinque minuti, ma solo nella ripresa il gran goal del capitano della Roma ha indirizzato una gara che l’attuale capolista del massimo campionato nazionale non ha saputo poi recuperare.

A fine gara è stato lo stesso Antonio Conte, tecnico della Juventus, ad analizzare la defaillance della propria squadra: “Eravamo stanchi. Giocare tre gra in sette giorni l’abbiamo pagato nella terza gara. Onore alla Roma che ha dimostrato di avere in rosa giocatori di primissima fascia, ma noi oggi non abbiamo giocato da squadra, e quando ciò accade siamo battibili da chiunque“. L’allenatore della Juventus si è soffermato poi sullo scarso turn over operato nella trasferta dell’Olimpico: “Ho parlato chiaramente alla squadra, ho chiesto ‘chi non se la sente stasera?’. Nessuno si è tirato fuori, tutti si sentivano bene dunque non mi sento di imputarmi nessuna colpa nelle scelte. […] Penso che parlare con i giocatori sia importante, almeno oggi mi sono tolto uno scrupolo. E’ giusto che i calciatori si prendano qualche responsabilità“.

IL TABELLINO

Roma – Juventus: 1-0

Roma (3-4-2-1): Stekelenburg; Piris, Burdisso, Marquinhos; Torosidis, De Rossi, Pjanic (23′ st Bradley), Marquinho (38′ st Balzaretti); Lamela, Totti (43′ st Florenzi); Osvaldo. A disp.: Goicoechea, Lobont, Romagnoli, Taddei, Perrotta, Lucca, Tachtsidis, Nico Lopez. All.: Andreazzoli

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Caceres; Lichtsteiner, Vidal (26′ st Anelka), Pirlo, Pogba, Asamoah (11′ st Padoin); Matri, Vucinic (11′ st Giovinco). A disp.: Storari, Rubinho, Giaccherini, Isla, Marrone, Quagliarella. All.: Conte

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 13′ st Totti (R)

Ammoniti: De Rossi, Totti (R), Lichtsteiner, Matri, Pirlo (J)

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti