Il ‘Clasico’ pareggia

Messi e Cristiano Ronaldo sono i protagonisti del 2-2 tra Barca e Real. Falcao porta i Colchoneros in vetta. Martins decide il derby di Valencia.

di Antonio Pio Cristino 8 Ottobre 2012 10:25

Quando hai ‘campioni’ nel serbatoio, quando questi decidono di ‘deliziare’ uno scenario da mozzare il fiato e quando in palio hai non solo i tre punti in classifica ma l’orgoglio nazionale e regionale da difendere, anche un pareggio come quello maturato tra Barcellona e Real Madrid diventa uno spettacolo da oscar. E allora il merito del sontuoso 2-2 formatosi al Camp Nou nella domenica sera del settimo turno di Liga va attribuito in particolar modo alla coppia Lionel Messi e Cristiano Ronaldo. Le due stelle del calcio spagnolo e mondiale hanno infatti confermato di essere i più forti giocatori in circolazione attualmente sul pianeta anche a chi ancora avesse avuto dei dubbi a proposito.

Per la ‘Pulce’ si sono sprecati quasi tutti gli aggettivi disponibili nei vocabolari europei pur di sottolinearne la grandezza, ma nella serata del Camp Nou ha brillato con pari intensità il suo ormai eterno rivale, Cristiano Ronaldo, che al 66′ ha recuperato un match avviatosi verso il binario ‘Barca’. Il portoghese, che ha avuto il merito di sbloccare il risultato al 23′ prima della doppietta del numero dieci argentino, si sta caricando sulle spalle i destini di questo Real Madrid tornato a far paura dopo un inizio di stagione a dir poco inquietante. La maturità di Cristiano Ronaldo, spesso accusato in passato di essere troppo effervescente e poco concreto, è ormai dunque un dato di fatto come le quattordici reti già siglate in appena undici incontri disputati in questa prima parte di 2012/13 con il Real.

CAMPIONI – Liga nel segno dei campioni tra i quali ormai va annoverato anche Radamel Falcao Garcia che ha dato il via alla vittoria del suo Atletico Madrid nell’altro big match di alta classifica contro il Malaga di Roquè Santa Cruz. Grazie ai tre punti conquistati al Vicente Calderon (2-1 il risultato finale con autogoal decisivo di Weligton al 90′), i Colchoneros raggiungono il Barcellona in vetta alla classifica scavando un primo solco di cinque punti sulla più immediata inseguitrice, il Malaga appunto. Nelle zone alte della classifica di Liga si affaccia anche il Real Betis Siviglia di Pepe Mel che pur con un uomo in meno (espulso per doppia ammonizione il terzino Mario), batte 2-0 il Real Sociedad.

OSSIGENO – La difficile vittoria maturata dall’Athletic Bilbao contro l’Osasuna concede un minimo di ossigeno alla panchina del ‘loco’ Bielsa. Il goal di Aduriz al 12′ inguaia invece i navarri fermi al penultimo posto della classifica di Liga. Chi sta peggio dell’Osasuna è comunque l’Espanyol Barcellona che guadagna il secondo punto stagionale pareggiando a Valladolid 1-1, dopo essere andato in vantaggio con un rigore realizzato da Verdu. Il pareggio biancoviola è firmato da Oscar giunto al quarto goal in questo campionato.

LA 7° – La settima giornata di Liga era partita con l’anticipo del venerdì tra Celta Vigo e Siviglia, chiusosi con l’inatteso 2-0 dei galiziani. E’ una sorpresa anche l’exploit in trasferta del Granada del patron Pozzo sul campo del Mallorca grazie alle reti degli ex Udinese El Arabi e Torje (Hemed per gli isolani), mentre il derby di Valencia va al piccolo Levante con un goal dell’ex interista Martins al 22′.

Nella parte medio bassa della classifica di Liga si segnalano le importanti vittorie del Getafe sul campo del Real Saragozza (0-1 firmato da Diego Castro su rigore), e del Rayo Vallecano contro il Deportivo La Coruna (2-1).

Commenti