Finale, Fabregas: “Vogliamo vincere, Iniesta il nostro trascinatore”

Il centrocampista blaugrana è intervenuto in conferenza stampa senza nascondere l'obiettivo comune di tutta la squadra: scrivere la storia del calcio.

di Ernesto Vanacore 30 giugno 2012 11:49
Cesc Fabregas dopo il gol all'Italia

E’ tempo di Finale in Ucraina e la tensione è palpabile tra i giocatori di entrambe le squadre che domani sera scenderanno in campo a Kiev per contendersi l’Europeo. Ognuno cerca di aggrapparsi ai calciatori simbolo della propria Nazionale e così, mentre tutti gli azzurri ritengono Pirlo e Buffon i veri trascinatori dell’Italia, nella Nazionale spagnola (nostra avversaria di domani) la pensano diversamente. A parlare in conferenza stampa è stato Cesc Fabregas, centrocampista del Barcellona autore del gol che nella fase a gironi ha impedito agli azzurri di vincere il match d’esordio proprio con la Spagna. Il numero dieci delle Furie Rosse ha parlato dell’importanza del suo compagno di squadra Andres Iniesta, per poi esprimere le sue aspettative riguardo il match ormai incombente:

“Andrés migliora di partita in partita – ha esordito il ‘falso attaccante’ impiegato da Del Bosque – Dopo una stagione difficile a livello di club, perchè costellata dagli infortuni, adesso si trova in un momento straordinario della sua carriera, che ha un enorme impatto sul modo in cui giochiamo. E’ creativo, e con il passare degli anni sta facendo sempre più gol, oltre che assist. Per noi è una fonte di fiducia immensa: durante le partite si prende sempre più responsabilità e in attacco è il punto di riferimento della squadra. E’ un calciatore completo, a parer mio anche più di Andrea Pirlo, e lo trovi presente in tutte le situazioni di gioco, sia in attacco che in difesa”.
Abbiamo già fatto la storia con i due trofei che abbiamo vinto di fila, ma ovviamente ne vogliamo ancora – ha aggiunto Fabregas – Daremo il 100% per vincere, non solo per ‘scrivere la storia’ quanto piuttosto perchè è nella nostra natura voler vincere sempre. I nostri avversari sono davvero temibili e lo hanno dimostrato durante la partita d’esordio. Dovremo stare attenti anche a Balotelli, non credo che sbaglierà di nuovo avanti al portiere senza tirare”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti