Europei: i calciatori più costosi della manifestazione

Il calcio Italiano è una platea con i migliori giocatori cel Mondo, presenti agli europei 2021

di Redazione 24 Giugno 2021 6:19

Le manifestazioni per nazionali di calcio sono un’occasione per vedere in azione i migliori calciatori di ogni paese, e fatta eccezione per pochi talenti come Haaland assente con la Norvegia e Zaniolo infortunato, in questo Euro 2020 ci sono tutti i pezzi pregiati. Vediamo quali sono i calciatori con il prezzo del cartellino più alto. 

Tanta Serie A nelle 24 nazionali partecipanti. Barella primo nella rosa azzurra

Gli Europei 2021, chiamati Euro 2020 per ragioni di marketing, sono una rassegna che ha spesso consacrato campioni, o fatto scoprire giovani talenti. Così cartellini alla mano possiamo vedere il prezzo dei tanti pezzi da 90 presenti alla sedicesima edizione del campionato europeo di calcio per nazioni.

La premessa piacevole per il calcio italiano è che fra questi atleti tanti sono i calciatori che militano in Serie A. Ad esempio, il calciatore più quotato dell’Ucraina è l’atalantino mancino Ruslan Malinovs’kyj, 28 anni e valore di mercato di 30 milioni di euro, con 36 presenze e otto reti, alcune pesanti, realizzate nella passata stagione in Italia. Giusto dieci milioni in più invece un altro talento che gioca nel nostro campionato con la maglia della Juventus, Kulusevski, cresciuto nell’Atalanta, ma approdato a Torino tramite Parma l’anno scorso. 

Salendo un po’ con le quotazioni arriviamo ai sessanta milioni dove incontriamo Barella, il primo fra gli azzurri a 65 milioni di valutazione, seguito dal neo parigino Donnarumma a 60 milioni, insieme anche con Bastoni, compagno di squadra di Barella all’Inter e Federico Chiesa. Perde leggermente quota il cartellino di Marco Verratti che passa da 60 a 55 milioni di euro. A 60 milioni si assesta anche la stella del Bayern di Monaco e della nazionale polacca Robert Lewandowski.

<iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FFootball.Mbappe%2Fphotos%2Fa.102528085405115%2F102528088738448%2F&show_text=true&width=500″ width=”500″ height=”544″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowfullscreen=”true” allow=”autoplay; clipboard-write; encrypted-media; picture-in-picture; web-share”></iframe>

Ai piani alti Liga, Premier, Ligue 1  e Lukaku dell’Inter

Tanti buoni giocatori della Serie A partecipano a questa competizione, ma per trovare i top player e di conseguenza cartellini sopra gli 80 milioni di euro bisogna spostarsi in campionati nazionali che in questo momento dispongono di maggiori risorse economiche, oltre che poter garantire risultati agli atleti. Marcos Llorente Moreno dell’Atletico Madrid e della nazionale spagnola vale ad esempio ben 80 milioni di euro, anche grazie allo scudetto vinto a Madrid con Simeone. Dieci milioni in più invece il cartellino di un altro calciatore che milita nella Liga, parliamo di Frenkie De Jong 25enne centrocampista della nazionale olandese e del Barcellona.

Prima di salire sul podio con numeri a tre cifre ci sono da menzionare l’ex Udinese Bruno Fernandes, centrocampista del Portogallo e del Manchester United, che ha una valutazione di 90 milioni al pari di De Jong e di Kimmich del Borussia e della nazionale tedesca, unico calciatore della Bundesliga sopra gli 80 milioni di euro. 

Sul podio neanche a farlo apposta quattro calciatori che con le loro nazionali sono quotatissimi per la vittoria finale, e fra questi tre anche per la Nations League di ottobre. Parliamo di De Bruyne e Lukaku del Belgio, entrambi al terzo posto a 100 milioni di euro, e di Mbappé del PSG, che vince la palma del calciatore più costoso a 160 milioni davanti a Harry Kane dell’Inghilterra a 120 milioni. 

Molto interessante notare come tutta la rosa della nazionale italiana vale 751 milioni di euro, mentre quella della Francia oltre un miliardo. Ma si sa una manifestazione come gli europei possono far lievitare le quotazioni dei cartellini in caso di buone prestazioni, come sta accadendo a Berardi e Locatelli tesori del Sassuolo

Commenti