Nel 2020 gli Europei cambieranno: ecco l’idea di Platini

L'Uefa ha in mente una nuova formula per il torneo che mette di fronte le migliori Nazionali del Vecchio Continente.

di Antonio Ferraro 7 dicembre 2012 13:42

Nel 2020 gli Europei diventeranno itineranti. L’idea è venuta, tanto per cambiare, a Michel Platini, che, dopo aver ipotizzato una Champions League a 64 squadre, ha proposto una nuova formula per il torneo che mette di fronte le migliori Nazionali del Vecchio Continente.

E, così, ieri a Losanna l’Uefa ha annunciato che Euro 2020 si giocherà in diversi paesi. “Si tratterà di un Europeo per l’Europa“, ha spiegato il segretario generale Gianni Infantino.

Ancora non è stata definita la formula del torneo, né si sa in quali nazioni si giocheranno le gare. Platini ha intenzione di aumentare il numero delle partecipanti da 16 a 24 e di far svolgere la competizione in 12 Paesi scelti in base al ranking Uefa, con le semifinali e la finale ospitate da una tredicesima città.

Già da marzo potranno essere presentate le candidature delle città e le decisioni dell’organo di governo del calcio europeo saranno comunicate nella primavera del 2014. Maggiori dettagli si avranno quasi certamente nella prima metà del 2013, dopo che Platini si sarà consultato con le varie federazioni nazionali.

Per ora la decisione, votata da tutti i membri del comitato esecutivo dell’Uefa tranne che dalla Turchia (che voleva candidarsi per organizzare il torneo da sola), riguarda solo l’Europeo del 2020. Lo ha fatto sapere lo stesso Infantino: “Non è stata presa alcuna decisione per quelli successivi“.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti