Euro 2012, ecco i verdetti del girone A

Il primo girone eliminatorio ha espresso i suoi verdetti e come spesso accade si sono sovvertiti tutti i pronostici.

di Ivano Sorrentino 17 giugno 2012 13:20

Nella giornata di ieri è iniziato il terzo turno dei gironi di Euro 2012, e sono andate in scena le ultime partite del gruppo A, ovvero Polonia-Repubblica Ceca e Grecia-Russia. I padroni di casa polacchi dunque erano assolutamente costretti a vincere per passare il turno ma, ancora una volta, i biancorossi hanno deluso le aspettative: la Polonia infatti è apparsa troppo contratta e poco dinamica, scoprendo spesso il fianco ad una Repubblica Ceca che invece è apparsa molto brillante e decisa a portare la qualificazione a casa. La partita infatti alla fine è stata vinta proprio dai cechi che nella seconda metà della seconda frazione di gioco hanno colpito portandosi in vantaggio per 1-0.

La Polonia ovviamente ha accusato il colpo e non è riuscita più a rimettere in piedi la partita non riuscendo dunque ad evitare una sconfitta che di fatto estromette la prima nazione ospitante dal torneo. Grande dunque la delusione dei tifosi polacchi che di certo si aspettavano una Polonia diversa in questa competizione, visto anche che il girone eliminatorio dei biancorossi non era certo il più difficile.

Se i polacchi sono tristi per l’eliminazione, al contrario i greci sono euforici. La squadra biancoblu infatti ha dimostrato ancora una volta di essere un team assolutamente imprevedibile riuscendo a battere la Russia per 1-0 e guadagnandosi così il passaggio del turno. Nessuno infatti pronosticava l’eliminazione di una Russia che nelle prime gare era apparsa nettamente superiore alle altre squadre del girone, eppure i russi si sono dovuti arrendere dinanzi alla concretezza e alla compattezza difensiva della squadra ellenica.

Alla fine dunque passano Repubblica Ceca, come prima qualificata, e Grecia come seconda qualificata. Un risultato che alla vigilia pochi pronosticavano in quanto la maggioranza degli esperti era fermamente convinta del passaggio del turno della Russia, che era sicuramente la squadra con maggior tasso tecnico, e della Polonia padrona di casa.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti