“Dio deve essere un tifoso del City”

I tifosi della squadra di Roberto Mancini hanno scomodato le divinità per "giustificare" quello che ritengono un miracolo sportivo.

di David Spagnoletto 14 maggio 2012 17:56

Le immagini degli ultimi cinque minuti della Premier League 2011-2012 hanno fatto il giro del mondo. In pochi minuti il Manchester City è passato dall’Inferno al Paradiso calcistico. Da regalare lo scudetto allo United a riprenderselo e vincerlo dopo 44 anni di attesa. Un trionfo che i tabloid inglesi hanno celebrato nella maniera più disparata. Daily Express ha titolato: “Il City afferra il titolo all’ultimo respiro e porta i tifosi sulla Luna Blu“. Il Guardian ha elogiato prima di tutti il tecnico di Jesi, autore di questo miracolo sportivo:

“Roberto Mancini cura i vecchi problemi del Manchester City con una nuova gloria. Ci sono voluti 44 anni ma l’italiano ha finalmente trasformato un club perdente in una squadra formidabile”.

Gli fa eco il Mirror che ha scritto:

“Addio ai fantasmi di 44 anni di miseria, benvenuta la vittoria più grande. Se volete che la gente smetta di ridere di voi, di trattavi con superiorità, di amarvi perché siete dei rottami, fate quello che ha fatto il City contro il QPR”.

Più profani i tifosi dei Citizien, che senza misure hanno detto: “Dio deve essere un tifoso del City, questo è stato un intervento divino… Un vero miracolo”.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti