Del Piero, ecco le due italiane che lo volevano

Del Piero faceva ancora gola in serie A, ma la sua fedeltà...

di Nadia Napolitano 26 Maggio 2012 17:35

Milan e Napoli avevano messo gli occhi su Alessandro Del Piero. Il capitan bianconero, che ha ufficializzato il suo addio proprio ieri, venerdì 25 maggio, faceva  gola, e avrebbe potuto agevolmente militare ancora in serie A, con una maglia diversa da quella per cui ha donato tutto quanto avesse in corpo per quasi vent’anni.

Nonostante il dolore per il congedo, a suo avviso prematuro, fosse vistosamente patibile, Pinturicchio ha interrotto sul nascere ogni qual tipo di corteggiamento. Il patron azzurro, Aurelio De Laurentiis, non ha mai fatto mistero di apprezzare le grandi doti umane dell’ex nazionale. Il produttore cinematografico avrebbe accolto Del Piero a braccia aperte qualora ce ne fosse stata l’occasione, fosse anche stato solo per ruoli che esulano dall’aspetto meramente tecnico. Lo stesso dicesi per il Milan, che proprio non vedo l’ora di rendere pan per focaccia ai colleghi juventini, dopo quanto successo con Pirlo durante lo scorso anno.

Queste indiscrezioni, seppur abbastanza insistenti, non sono state confermate dal calciatore. Del Piero preferisce mantenere il più assoluto riservo in merito. Meglio non tirare in ballo altre faccende. Fino all’ultimo istante, Alessandro tiene a preservare la società per cui tanto si è battuto. Al di la del piccolo retroscena, l’ex bianconero non rinnoverà con la Juventus. Armi e bagagli alla mano, resta ancora ignota la prossima destinazione del n.10.

Con molta probabilità, il fantasista potrebbe trasferirsi negli Usa, assoldato nella massima competizione americana, la Soccer Major League. Sarebbe questa un’esperienza completamente nuova, che potrebbe consolare l’attaccante dalla cocente delusione, restituendogli stimoli importanti che credeva sepolti. Del resto, abbiamo motivo di credere che ancora ne abbia nelle gambe. E’ giusto che Pinturicchio si dia ancora al pubblico, volando col pensiero alla sua amatissima gente.

Commenti