De Rossi fa felici i tifosi: “Resto alla Roma”

Il centrocampista giallorosso sembra aver deciso il suo futuro che sarà ancora legato alla squadra della sua città.

di Ivano Sorrentino 21 Agosto 2012 18:22

Il City l’aveva coccolato e, forse, quasi convinto ma il cuore del centrocampista Daniele De Rossi è irrimediabilmente giallorosso. Il giocatore infatti ha spazzato via tutte le voci legate ad un suo possibile addio, facendo così felici tutti i tifosi che gli avevano chiesto a gran voce di restare a Roma per prendere un giorno la fascia di capitano da Totti.

Eppure De Rossi non può non essere stato tentato da un’offerta che sembrava davvero irrinunciabile. Oltre 9 milioni di euro a stagioni per 4 anni infatti non è una cifra che si legge tutti i giorni, anche per un giocatore del livello di De Rossi. A detta del giocatore però la sua scelta era chiara già dall’inizio:“Io sto qui e sto bene qui. Non ho mai chiesto di andarmene. Ho firmato un contratto importantissimo con la Roma pochi mesi fa. Ho fatto una scelta e non è cambiato niente anche se allora c’era la neve e oggi ci sono 40 gradi”.

Il calciatore poi approfondisce: “Ho letto anche che avevo dei problemi con Zeman ma non è vero anche se sono dispiaciuto che Luis Enrique se ne sia andato perché sono convinto che avesse tutto per prendersi delle soddisfazioni. Quando c’erano in ballo Zeman e Montella, inizialmente, speravo arrivasse Montella perché lo conoscevo. Conoscendo invece Zeman ho scoperto una persona piacevole con il quale mi trovo benissimo oggi”.

Il giocatore quindi si dice pronto ad una nuova stagione e dice anche la sua riguardo i programmi societari giallorossi:“Ci sono stati investimenti importanti in settori dove servivano. Mi dispiace che se ne siano andati giocatori come Heinze, Cassetti, Pizarro, Okaka e altri che erano esempi di professionalità. La vecchia frangia si è un po’ sciolta, c’è gente nuova, nuovo materiale calcistico umano e professionale per ripartire”.

Infine una battuta sul mercato condotto dalla Roma:“Sono tutti molto bravi. Bradley l’ho conosciuto meglio e ho trovato un giocatore migliore di quello che avevo incontrato da avversario. Io poi non voglio dimenticare quelli che sono arrivati lo scorso anno come Bojan e Lamela che con questo tecnico possono fare grandi cose”.

Commenti