De Laurentis minaccia alcuni giornalisti

Il vulcanico presidente del Napoli è stato protagonista di un battibecco con alcuni giornalisti.

di Ivano Sorrentino 4 Luglio 2012 12:30

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentis ci ha spesso abituato ad alcuni battibecchi sopratutto con i giornalisti. Il presidente infatti ha un carattere sicuramente vulcanico e non sopporta alcune domande che spesso la stampa gli pone anche con la consapevolezza che la sua rabbia fa sicuramente notizia. L’ultimo episodio in ordine cronologico che testimonia il poco feeling tra il presidente e gli organi della carta stampata porta la data di stamane quando il massimo dirigente azzurro si stava recando in Lega Calcio dove è in programma un’assemblea.

De Laurentis è stato avvicinato da alcuni giornalisti che gli hanno chiesto informazioni riguardanti la probabile cessione del bomber Edinson Cavani. Negli ultimi tempi infatti sono trapelate numerose notizie riguardanti un interessamento sia della Juventus che di altre squadre nei confronti dell’attaccante uruguayano. De Laurentis però non ha preso bene le domande dei giornalisti ed ha subito risposto in maniera stizzita: “Siete semplicemente dei cafoni”. Ovviamente i giornalisti presenti non hanno preso bene la risposta del presidente e gli hanno chiesto di avere più rispetto nei confronti della stampa e di non permettersi di insultare persone che fanno semplicemente il loro lavoro.

Il presidente però ha risposto ancora ai giornalisti: “Mi permetto, mi permetto e se e’ il caso vi metto anche le mani addosso se continua cosi’. Non si puo’ parlare nella vita solo di soldi. Noi, nel cinema, siamo dei gran signori perche’ non sentirete mai parlare di quanto guadagnano Brad Pitt o Angelina Jolie. Non si dira’ mai quanto sara’ il loro contratto mentre a voi interessa soltanto sapere quanto guadagna un calciatore. Tutto questo -ha concluso- non fa che alzare i costi’. Insomma alla base dell’ira di De Laurentis c’è la volontà di non far trapelare delle indiscrezioni finanziarie sui giocatori in generale che potrebbero andare a condizionare le dinamiche di mercato in un periodo molto delicato.

Commenti