Buffon ha paura degli 11 metri: “Rigori? Speriamo di no…”

Il portiere italiano teme che la sfida contro l'Inghilterra sarà decisa dai calci di rigore.

di Ivano Sorrentino 22 giugno 2012 18:26

Mancano una manciata di giorni alla sfida che vedrà opposta la nostra nazionale all’Inghilterra. L’attesa in casa Italia cresce anche perchè l’avversario non è certo dei più semplici. L’Inghilterra infatti nel girone di qualificazione ha dimostrato di essere una squadra solida e ben messa in campo capace di vincere in rimonta contro la Svezia e di liquidare l’Ucraina padrona di casa.

In sala stampa quest’oggi è intervenuto il capitano della nazionale Gigi Buffon che ha dato il suo parere sul match di domenica sera contro i britannici:”L’Inghilterra? La ricordo per Italia ’90, per le qualificazioni Mondiali e per due amichevoli. Ma sarà la mia prima grande partita contro di loro. L’Italia ha una qualità, che però è anche un difetto, ossia mette in equilibrio partite con squadre più forti, ma anche con quelle più deboli. In questo caso le percentuali di vittoria sono al 50%, sarà pertanto una partita equilibratissima e gli episodi faranno la differenza. Rooney? E’ un trascinatore. Con lui, Terry, Gerrard e Cole hanno gente che sa come si vince“.

L’Inghilterra sa come si vince ma il portiere azzurro teme che la partita non si deciderà nei 90 minuti. Secondo Buffon infatti entrambe le squadre avranno problemi a chiudere la pratica presto e proprio per questo l’estremo difensore teme che si finirà ai calci di rigore: “Sia noi che loro abbiamo difficoltà a fare il primo gol, inoltre in partite come questa le difese sono sempre molto attente e le squadre sono molto chiuse. Non so se riusciremo a sbloccare l’equilibrio nei 90 minuti regolamentari, è ovvio che me lo auguro. Temo però che ci sia la concreta possibilità di andare ai calci di rigore, non è una cosa che amo molto perchè credo che in quei momenti l’esito dipenda da troppi fattori, compresa la fortuna. Noi comunque siamo pronti e daremo il massimo”

6 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti