Una Liga ricca di goals

Trentatre reti in otto gare nella sesta giornata del campionato spagnolo.

di Antonio Pio Cristino 30 Settembre 2012 22:46

Il Barcellona rischia il suicidio sul campo del Siviglia, ma la grande forza del collettivo blaugrana e del destino alla fine arridono a Messi e soci, capaci di rimontare due reti agli andalusi (in dieci dal 72′ per l’espulsione di Medel) e addirittura vincere con un goal in pieno recupero.

LA CAPOLISTA – La capolista va dunque a conquistare la sesta vittoria in altrettante gare di Liga grazie alla doppietta di Cesc Fabregas e alla rete decisiva di David Villa al 93′. Il Siviglia si era addirittura portato in vantaggio di due reti grazie a Trochowski e ad Alvaro Negredo. Il Real Madrid risponde agli acerrimi rivali con un secco 5-1 ai danni del malcapitato Deportivo La Coruna, punito dalla tripletta di Cristiano Ronaldo (due rigori), e dalle marcature singole di Di Maria e Pepe, dopo l’iniziale vantaggio biancoblu di Riki.

E’ giornata di grandi rimonte in Spagna come quella realizzata dal Real Valladolid nel derby di Castilla contro il Rayo Vallecano. I biancorossi riescono a passare in vantaggio con Dominguez (accostato alla Juventus qualche stagione fa), prima di subire addirittura sei reti dai bianco-viola. I goal del Valladolid sono stati siglati da  Oscar e Manucho, doppietta per entrambi, e dal serbo Rukavina dopo l’iniziale pareggio di Bueno.

Goleada anche per l’Osasuna che lascia l’ultimo posto in classifica all’Espanyol. I navarresi si aggiudicano il match contro il Levante arrotondano nei minuti finali con i goals di LamahTimor e Nino il vantaggio maturato da Armenteros.

L’ultima goleada di giornata la realizza il sempre più sorprendente Malaga contro il Real Betis Siviglia. I biancoblu, impegnati in Champions League in casa dell’Anderlecht mercoledì prossimo, schiantano i rivali con due goal per tempo. Joaquin e Saviola aprono le danze, quindi un’autorete di Amaya Isco le chiudono.

LE ALTRE GARE – Il Valencia risale la classifica dopo il 2-0 inflitto al Real Saragozza, distanziando l’altra grande delusione di questo inizio Liga 2012-13, l’Athletic Bilbao di Fernando Llorente e Iker Muniain. I baschi si fermano a quota 5 punti dopo la terza sconfitta in sei giornate di campionato inflittale dal Real Sociedad, 2-0.

Nella giornata di domenica, il Granada di patron Pozzo chiude il match contro il Celta Vigo dopo appena diciassette minuti. Nel 2-1 finale vanno in goal gli ex Udinese Guilherme Siqueira e Torje.

Commenti