The Sun attacca Alex Ferguson: “Si ritiri, è troppo vecchio”

Dopo l'eliminazione dalla Uefa Champions League si prospettano tempi duri per il Manchester United, finalista della scorsa edizione. Il quotidiano inglese "The Sun" ha addossato tutte le colpe al tecnico, definendolo troppo vecchio per restare nel mondo del calcio.

di Ernesto Vanacore 8 dicembre 2011 20:40

Il prestigioso quotidiano inglese The Sun ha ufficialmente criticato il Manchester United a seguito dell’eliminazione dalla Champions League. Oltre a colpire i singoli calciatori le critiche hanno bersagliato Sir Alex Ferguson in particolare. Il tecnico che ha recentemente festeggiato i 25 anni sulla panchina dei Reds, dove ha vinto tutte le tipologie di competizioni, è stato definito ormai troppo anziano per allenare.

Ecco l’estratto delle accuse da parte della testata giornalistica al Manchester United: “Può un uomo di oltre settanta anni, alla fine della sua carriera, avere la forza, le motivazioni e le risposte per riportare il Manchester United ai suoi livelli? O quantomeno è ancora in grado di mantenere quelli che sono gli standard di questa squadra? Prima lo era, ma prima o poi la fine arriva per tutti e il ritiro non sarebbe una scelta così sbagliata.
Per quanto riguarda i calciatori sembra che quest’anno non ci siano più quelli degli anni passati, o almeno non si riconoscono: 
Rio Ferdinand è al termine della sua carriera, David De Gea è un portiere che non ha le qualità per giocare a questi livelli. Park Ji Sung sembra aver esaurito il suo tempo ad Old Trafford, Nemanja Vidic potrebbe essere tentato da una grande offerta dall’Italia o dalla Spagna. E che dire – prosegue il tabloid – del vulnerabile Patrice Evra e dei due gemelli predisposti all’infortunio come Fabio e Rafael? E dov’è Ashley Joung? Come rimpiazzerà, Ferguson, Ryan Giggs? E Dimitar Berbatov? Non ha davvero altro da dare allo United? Per non parlare di Rooney, se lui gioca male è meglio se la squadra non scenda proprio in campo. Nani dovrebbe smetterla di inseguire il suo compagno di nazionale Ronaldo, non ha le sue qualità e a Manchester lo sanno benissimo”.

Un duro, durissimo processo mediatico ai danni di una squadra che dovrà lavorare moltissimo per riportare le cose in ordine, nella speranza che il suo condottiero rimanga al comando.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti