Ferguson: “In Italia si pensa troppo alla prima squadra e poco ai giovani”

di Simona Vitale 6 settembre 2011 14:39

Il manager del Manchester United, Sir Alex Ferguson, questa mattina era a Roma alla Facolta’ di Economia dell’Universita’ Luiss, dove  ha incontrato gli studenti dell’ateneo, ha risposto a molte domande sulle squadre italiane e sulla situazione attuale del calcio italiano.

Secondo Ferguson, molte squadre italiane si concentrano soprattutto sulla prima squadra, senza prestare molta attenzione ai giovanissimi talenti, cosa che invece sarebbe la prima da farsi, cos’ come accade a Manchester, dove  si parte dalle fondamenta, dai giovanissimi per creare un senso di appartenenza alla squadra.

Ferguson si è dichiarato fortunato di essere a Manchester,un club ricco di giovani promesse e permeato di ottime aspettative.  Ha sottolineato l’importanza del lavoro e dell’impegno dei ragazzi inglesi che hanno come modelli giocatori del calibro Gary Neville e Paul Scholes.

Nel Manchester c’è un codice di comportamento che vale per tutti,  giovani e grandi campioni. Ferguson ha dichiarato che:” tutti amano Ryan Giggs, uno che e’ sempre stato con i piedi per terra”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti