Salernitana, insulti e sputi a Lotito

Nonostante la vittoria contro il Borgo a Buggiano, il presidente è stato contestato dai tifosi per alcune dichiarazioni dei giorni scorsi.

di Antonio Ferraro 15 Ottobre 2012 9:14

Non bastavano i rapporti burrascosi con i tifosi della Lazio, ora Claudio Lotito è nel mirino anche dei sostenitori della Salernitana, il club di cui è proprietario e presidente dal 2011 insieme a Marco Mezzaroma.

Al termine della partita di ieri vinta 3-1 dai campani contro il Borgo a Buggiano valevole per la settima giornata del girone B di seconda divisione Lega Pro, Lotito si è recato sotto la Curva Sud per chiarire alcune considerazioni controverse che aveva fatto nei giorni scorsi sui tifosi campani. Andando verso il settore più caldo dello stadio Arechi, il patron ha ricevuto un mix di applausi, fischi e insulti. Una volta a contatto con la gente, Lotito è stato raggiunto da uno sputo partito da un ragazzo. Indispettito per il brutto gesto, il presidente ha chiesto spiegazioni, ma per tutta risposta la curva lo ha invitato ad andarsene.

A fare luce sull’accaduto è stato il direttore organizzativo della Salernitana Gianni Russo: “Il patron si era recato sotto la Curva per un preciso motivo: voleva ringraziare i presenti e spiegare loro che le sue stoccate non sono e non saranno mai rivolte a chi non fa mancare mai il suo apporto. Era lì per una tregua. Poi, mentre la maggior parte della curva applaudiva – ha proseguito Russo – è arrivato lo sputo da un ragazzo di giovane età“.

Il dirigente racconta di un Lotito dispiaciuto, ma non intenzionato ad arrendersi: “Il presidente ci è rimasto male perché dopo aver fatto tanto, di certo non si aspettava questa reazione. Questo non vuol dire che il suo impegno diminuirà, anzi lui è ancora più deciso a far bene e a mantenere le promesse. Lotito ci tiene a questa città, ci tiene tantissimo. Più passa il tempo più il patron si innamora di questa città e sta lanciando nuove iniziative per il futuro sportivo. E spera che chi lo ha attaccato possa ricredersi. Sono i risultati a favorire la risalita della squadra”.

Commenti