Napoli, ecco le parole di Insigne

L'attaccante svela i propositi e gli obiettivi per la stagione che sta per cominciare.

di Alessandro Mannocchi 27 Luglio 2012 15:36

A Napoli lo considerano il sostituto ideale del Pocho Lavezzi. Ci riferiamo al baby fenomeno Lorenzo Insigne, che ha parlato all’emittente radiofonica Radio Marte.

“Sono molto contento di essere tornato a Napoli dove sono cresciuto calcisticamente. Ora devo stare solo tranquillo e dimostrare ogni giorno di poter far parte di questo gruppo importante.“ Esordisce così Insigne, che parla del rapporto instaurato con i nuovi compagni di squadra. “E’ stato bello giocare con questi campioni. Il rapporto con i leader dello spogliatoio è buono, cerco di imparare dai più grandi”.

L’attaccante ripercorre la sua breve ma fino a questo momento intensa carriera, e cita i suoi allenatori. “Zeman? Penso che sia stato fondamentale per la mia crescita, sono maturato. Il boemo mi ha migliorato fisicamente, non a caso anch’io ho fatto i gradoni”. Mazzarri? Con lui ho lavorato tanto e mi sono trovato benissimo. Mi ha fatto esordire in A a Livorno, aspettavo che il pallone uscisse per poter entrare in campo. Mi ha fatto i complimenti per le due stagioni lontano da Napoli, mi ha invitato ad essere sereno. Mazzarri è un grande allenatore, lo devo seguire e accetto i suoi consigli”.

Sugli obiettivi della stagione, Insigne ha le idee chiare: “Vincere con il Napoli? E’ sicuramente uno dei miei obiettivi, è il massimo conquistare qualcosa con la propria squadra del cuore. Posso imparare tanto da Pandev, Hamsik e Cavani, sono affermati. Intanto spero di giocare o segnare e fare bene per vincere la Supercoppa contro la Juventus.”

L’ex attaccante del Pescara parla anche dei tifosi azzurri e delle sensazioni uniche che suscita lo stadio San Paolo. “Ci si aspetta tanto da me. A Napoli i tifosi sono diversi dalle altre parti. A loro dico solo che proverò a dare il massimo”. Ma Insigne, appena 21 anni, ha giustamente dei sogni nel cassetto che spera di realizzare. “La nazionale e un trofeo con la mia squadra del cuore”.

 

 

 

 

 

 

Commenti