Montolivo parla di politica: “Sì all’imposta patrimoniale”

La situazione economia e finanziaria dell'Italia è drammatica. Probabile che vengano introdotte nuove imposte. Il mondo del calcio, stavolta, non si tira indietro.

di Gianni Monaco 15 novembre 2011 10:21

Tra poche ore Mario Monti sarà il nuovo presidente del consiglio. Tutti, a destra e a manca, parlano della necessità di grandi sacrifici. Ma chi dovrebbe farli? Quelli che già ora non arrivano a fine mese? Riccardo Montolivo, giocatore della Fiorentina e della nazionale italiana, oggi impegnata con l’Uruguay, ritiene che sia giusto che a pagare siano soprattutto i più ricchi. “La patrimoniale? Sono pronto a fare la mia parte e a pagare quello che c’è da pagare”. D’accordo con Montolivo è anche il ct della nazionale Cesare Prandelli. “Accetteremo qualsiasi decisione del nuovo governo ma le tasse devono pagarle tutti”.

Insomma, parole assolutamente condivisibili, quelle di Montolivo e Prandelli, specie in questo momento di grave difficoltà economica e finanziaria per il nostro paese. Eppure qualche mese fa nel mondo del calcio c’era stata una sorta di rivolta. Il governo aveva parlato di aumento del prelievo per i redditi molto alti e i giocatori avevano detto che toccava alle società pagare.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti