Montella vola basso: “Non siamo da scudetto”

Il tecnico viola parla del momento positivo della sua squadra ma evita voli pindarici.

di Ivano Sorrentino 14 novembre 2012 19:12

La stampa sportiva italiana, si sa, è sempre ben attenta a far uscire sempre nuove tematiche per stuzzicare l’attenzione, e perchè no anche l’immaginazione, dei lettori. Dopo la vittoria della Fiorentina contro il Milan, non nel suo momento storico migliore, si sono sprecati i titoli riguardanti una possibile opportunità dei viola di poter vincere lo scudetto. In realtà la Fiorentina sta davvero esprimendo un bellissimo calcio ed il merito sembra essere sopratutto di Vincenzo Montella. L’allenatore napoletano sta davvero facendo un grandissimo lavoro ripetendo lo straordinario campionato fatto la scorsa stagione alla guida del Catania.

Montella però, che nonostante la sua giovane età ha molta esperienza, preferisce volare basso e allontanare ogni possibile voce scudetto:Perché sennò rischiamo di rovinare tutto il lavoro che abbiamo fatto fino a questo momento. La gente ha dimostrato di avere voglia di riappropriarsi della squadra. Mi fa piacere che la città sogni e che sia felice, ma non bisogna aumentare la pressione sui giocatori”. Ovviamente l’allenatore non può non commentare l’importante vittoria ottenuta su un campo storicamente difficile come quello di San Siro:“E’ stata una grande soddisfazione per noi e per il pubblico. Il tifo ci sta contagiando e caricando sia me che i giocatori. Ci hanno seguito davvero in tanti a Milano e sono stato felicissimo di vedere che abbiamo riconquistato la fiducia della città di Firenze. Dopo l’anno scorso infatti molti tifosi si erano allontanati dalla squadra, ma facendo questo avevano solamente fatto male al proprio team”.

Ritornando alla questione scudetto, Montella dice la sua:“Non credo che lotteremo per lo scudetto, le uniche che possono dare noia alla Juventus sono Inter e Napoli”. Infine l'”aereoplanino” elogia il suo collega Andrea Stramaccioni:“E’ stato molto difficile approcciarsi con giocatori di alto livello. Ha competenze e personalità, sta ottendendo ottimi risultati. Cassano? Il consiglio migliore è non dare consigli”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti