Milan, ecco le alternative ad Ibrahimovic

Il club rossonero sta cercando sul mercato un giocatore con le stesse caratteristiche dell'ariete svedese.

di Ivano Sorrentino 10 Luglio 2012 12:09

Il Milan si è riunito ieri dando dunque il via al ritiro pre-campionato nel centro sportivo di Milanello. Questa volta però i rossoneri hanno dovuto fare a meno di alcuni grandi senatori che erano sempre presenti gli scorsi anni, delle assenze che sicuramente hanno pesato dal punto di vista psicologico su gli altri calciatori rimasti. Proprio per questo il tecnico Allegri ha cercato di minimizzare l’addio dei vari Seedorf, Nesta e Inzaghi spronando i giocatori attuali a “Ripartire da zero”.

Se il Milan vuole ripartire da zero però dovrà cercare anche un sostituto all’altezza di Zlatan Ibrahimovic, un giocatore che nella scorsa staginoe ha quasi sempre giocato arrivando così a fine stagione in condizioni non ottimali. Nonostante Galliani abbia affermato che il mercato dei rossoneri sia chiuso in realtà il dirigente è alla ricerca di un giocatore che possa far rifiatare l’ariete svedese oppure giocare accanto a lui. Insomma al Milan serve un’altra prima punta di fisico e sul mercato i giocatori interessanti di certo non mancano.

I rossoneri infatti starebbero innanzitutto trattando con il Liverpool, una società con cui il Milan ha un buon rapporto, per il prestito dell’ariete inglese Andy Carroll, un calciatore molto stimato dagli uomini di mercato del Milan ma che arriverebbe solamente con la formula del prestito. Un altro nome molto interessante è anche quello di Mattia Destro, un giocatore richiesto da numerose squadre, compresa la Juventus, ma il Milan potrebbe sfruttare i suoi rapporti con il Genoa che si sta contendendo il cartellino del giocatore con il Siena.

Infine l’ultimo nome presente sulla lista di Galliani è quello di Edin Dzeko, un calciatore di sicuro talento che sembra però essere arrivato alla fine della sua esperienza con la maglia del Manchester City. Proprio Dzeko è da sempre un pallino fisso di Galliani e questa volta sembrerebbero esserci i presupposti giusto per portarlo a Milano.

Commenti