L’arbitro Baratta: “Ho visto morire Morosini in mezzo al campo”

Il dolore del fischietto campano, arbitro di quel drammatico Pescara-Livorno in cui è morto il 25enne centrocampista.

di Alessandro Mannocchi 16 Aprile 2012 16:00

Era lui il direttore di gara di Pescara-Livorno, gara maledetta in cui ha perso la vita Pier Mario Morosini. Siamo parlando dell’arbitro Silvio Baratta, visibilmente scosso da quanto accaduto sabato pomeriggio.

«E’ difficile riprendersi da quello che è successo, io l’ho visto morire in mezzo al campo – queste le aprole del fischietto campano – Un dolore grandissimo, una situazione irreale: stavamo giocando al calcio e un ragazzo è morto.  Ancora adesso è difficile credere che sia capitato». Baratta è stato il primo a chiedere l’intervento dei soccorsi, dopo le sollecitazioni di alcuni giocatori e dei guardialinee.

E proprio un amico guardialinee, Pietro Contente, salernitano come lui, ha rivelato lo choc che ha sconvolto Baratta: “Ci siamo sentiti almeno quattro volte con Silvio — ha rivelato Contente — l’ho chiamato più volte perché insieme ad altri amici volevamo andare a Pescara per stargli vicino, soprattutto nel viaggio di ritorno a casa. E’ rimasto per diverso tempo in ospedale, ha voluto essere presente, vicino ai compagni di squadra del ragazzo. Perché, mi ha raccontato, quel dolore che ha vissuto è stato troppo forte. Solo alle 19 di ieri sera è uscito dall’ospedale».

Commenti