La rabbia di Maldini: “Nessuno mi ha proposto un ruolo nel Milan”

L'ex capitano rossonero Maldini ha dichiarato di non essere stato contattato dalla società per alcun ruolo dirigenziale.

di Ivano Sorrentino 11 maggio 2012 0:58

Paolo Maldini è stato senza ombra di dubbio una delle bandiere del Milan. Il difensore infatti ha collezionato centinaia di presenze con la maglia rossonera rendendosi protagonista di tutti i trionfi del Milan dagli anni 90′ fino agli inizi degli anni 2000.  Insomma stiamo parlando di una vera e propria leggenda, tanto che il numero 3, da sempre scelto dal difensore, è stato addirittura ritirato dalla società di via Turati in segno di rispetto verso il giocatore.

Dopo l’addio al calcio giocato di Maldini infatti in molti si aspettavano che la società rossonera avrebbe offerto un incarico dirigenziale all’ex capitano, una pratica molto diffusa quando si tratta di giocatori così importanti. Sono passati però diversi anni dall’addio di Maldini al calcio giocato e il difensore oggi ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna proposta: ” Posso tranquillamente dichiarare di non essere mai stato contattato dallo staff del Milan per alcun incarico dirigenziale. Io sono uno che si guadagna quello che ottiene, nulla mi è dovuto per principio”. Insomma l’ex calciatore dichiara di non aspettarsi niente ma nelle sue parole traspare anche un pizzico di delusione verso la sua ex squadra.

Non è detto però che il Milan possa decidere di affidare un incarico anche a Maldini nella prossima stagione, anche perchè il difensore è rimasto un punto di riferimento per la squadra essendo presente nelle più importanti gare casalinghe giocate dal Milan in questa stagione. Proprio riguardo al campionato appena concluso, Maldini ci tiene a fare i complimenti alla Juventus, non negando un pizzico di rammarico: “La Juventus ha giocato un grandissimo campionato ed ha meritato il successo finale. Credo però che il Milan aveva le carte in regola per vincere il titolo, purtroppo la fortuna non è stata dalla parte dei rossoneri e la grande mole di infortunati ha reso il cammino in salita”.

23 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti