Inter quasi fuori dalla Champions, ecco quanti soldi perderebbe

I nerazzurri rischiano di uscire anche dall'Europa League. Sarebbe una catastrofe sportiva per Massimo Moratti e tutto il prossimo calciomercato ne sarebbe pesantemente condizionato.

di Gianni Monaco 19 Marzo 2012 11:20
Spread the love

In qualunque modo questa stagione finità, per l’Inter verrà considerata disastrosa. Non potrà essere diversamente, per una squadra che fino al 2010 vinceva il quinto scudetto consecutivo, la Champions League e il Mondiale per Club e che fino alla scorsa stagione è riuscita a conquistare la Coppa Italia.

Se la Serie A finisse oggi, i nerazzurri sarebbero fuori da tutte le competizioni europee. Come sappiamo, solo le prime tre si qualificano per la Champions League, mentre la quarta e la quinta vanno in Europa League. Se in Coppa Italia si verificassero una serie di condizioni, anche la sesta del campionato andrebbe in Europa League. L’Inter è proprio sesta, a pari punti con il Catania e la Roma. Ma i giallorossi stasera giocano contro il Genoa e hanno la possibilità di staccare i nerazzurri. Non dimentichiamoci, poi, che la prossima sfida è Juventus-Inter. Difficile che una squadra che anche contro l’Atalanta si è mostrata in pessime condizioni psicofisiche possa fare bottino pieno a Torino.

La classifica recita: Milan 60 punti; Juventus 56; Lazio 48; Napoli e Udinese 47; Roma, Inter e Catania 41. Insomma, a 10 giornate dalla fine, si capisce facilmente come la qualificazione alla prossima Champions League è una sorta di miraggio. L’unico obiettivo credibile, ma non per questo facile, resta l’accesso all’Europa League. Roma e Catania stanno molto meglio da tutti i punti di vista e per questo, al momento, sono favorite.

Ma quale danno economico rappresenterebbe il non entrare nella coppa europea più prestigiosa? La Gazzetta dello Sport ha fatto i conti in tasca ai nerazzurri. Nel 2010, anno dell’ultimo successo di Zanetti e compagni, i ricavi complessivi (premi Uefa, diritti tv, biglietti, ecc.) sono stati di ben 68 milioni di euro. Nel 2011, con l’Inter sconfitta ai quarti, ricavi per 46 milioni.

Cifre ingentissime e ancora più importanti con l’introduzione di quel fair play finanziario tanto caro a Michel Platini. I mancati introiti condizionerebbero in maniera inevitabile il mercato dell’Inter, che a quel punto si troverebbe a dover cedere alcuni dei suoi calciatori più pagati e dovrebbe puntare molto sui colpi low cost.

Commenti