Euro 2012: parte il totogironi, l’Italia rischia un gruppo infernale

Gli azzurri sono stati inseriti in seconda fascia e potrebbero addirittura finire in un girone con Spagna Portogallo e Francia. Si attende il sorteggio del 2 dicembre a Kiev.

di Ivano Sorrentino 16 novembre 2011 12:01

Sembra ormai già archiviata la sconfitta di ieri sera degli azzurri di Prandelli che sono caduti dinanzi al pubblico amico contro un Uruguay che ormai può essere considerata tra le grandi nazionali del panorama mondiale. L’ “albiceleste” ha infatti arginato gran parte delle offensive italiane mostrando una superiorità sopratutto fisica, elemento sul quale il commissario tecnico Prandelli dovrà lavorare assolutamente nei prossimi mesi.

Lasciando alle spalle l’amichevole ora l’attenzione degli azzurri è tutta sul sorteggio dei gruppi per la fase finale della manifestazione. L’Italia infatti è inserita in seconda fascia e, mentre è scongiurato il pericolo di finire nello stesso gruppo di Inghilterra o Germania, è probabile che gli azzurri possano incontrare una tra Olanda e Spagna. Le due nazionali sono infatti inserite in prima fascia insieme alle ospitanti del torneo, ovvero Polonia ed Ucraina. Gli azzurri dunque incontreranno sicuramente o una squadra ospitante, che avrà quindi i favori del pubblico, o una tra le due squadre più forti d’Europa secondo il ranking FIFA. 

Il pericolo non è ovviamente finito qui in quanto l’Italia rischia di incontrare anche una temibile squadra proveniente dalla quarta fascia e dalla terza fascia. Infatti, sempre secondo le strane logiche della classifica della federazione internazionale, due grandi come Francia e Portogallo che sono state relegate rispettivamente in terza ed in quarta fascia. Ovviamente agli azzurri potrebbe capitare anche un girone più abbordabile con una tra Polonia ed Ucraina, che anche se giocano in casa sono sicuramente meno temibili di Olanda e Spagna, e squadre non irresistibili come la Grecia, la Repubblica Ceca e la stessa Irlanda di Giovanni Trapattoni.

Sarà dunque l’urna della UEFA a sciogliere ogni dubbio sui possibili accoppiamenti, quello che è certo è che gli azzurri troveranno, e la partita di ieri ne è l’esempio, sempre squadre pronte a giocare al massimo per battere un team storico del panorama calcistico mondiale.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti