Serie A: top e flop della 30° giornata

La nostra rubrica con i migliori e i peggiori della settimana ci offre protagonisti inaspettati, così come inaspettati sono stati la maggior parte dei risultati. Adesso la classifica inizia a delinearsi in modo serio.

di Ernesto Vanacore 2 Aprile 2012 14:46

La classifica di Serie A comincia ad emanare i primi verdetti preliminari. In zona retrocessione sembra sempre più condannato il Cesena che pareggia a Lecce, mentre la Roma accorcia su Napoli, Udinese e Lazio nella lotta al terzo posto. Milan e Juve sono sempre più lontane per tutte e la volata scudetto sembra destinata a decidersi nel finale. Di seguito vi proponiamo la nostra classifica dei migliori e dei peggiori della 30° giornata di Serie A, vero spartiacque di questo campionato.

CLASSIFICA FLOP:

  • In terza posizione troviamo Kakha Kaladze del Genoa. La difesa rossoblu impatta contro un attacco interista troppo forte, trascinato dal duo argentino Milito – Zarate in splendida forma. Spesso impreciso, soprattutto in occasione del primo gol interista, dimostra che ad una certa età non tutti sono in grado di fare il Javier Zanetti della situazione. Magra consolazione il confronto con l’altra difesa, sicuramente da rivedere dopo aver preso 4 gol dai rossoblu a Milano.
  • Medaglia d’argento per Juan Camillo Zuniga. L’esterno del Napoli inscena una pessima partita così come tutti i compagni, meritando la palma del peggiore in campo per merito dell’espulsione arrivata nel finale. Certo il risultato era già compromesso, ma il colombiano avrebbe dovuto pensare al fatto che contro la Lazio non ci sarà neanche l’infortunato Maggio, lasciando così la fascia destra scoperta.
  • Il peggiore della settimana è Cesare Natali della Fiorentina. La clamorosa sconfitta maturata in casa con il Chievo lascia molta amarezza ai tifosi viola, che vedono avvicinarsi l’incubo retrocessione. Il primo gol clivense nasce da una grave ingenuità dell’esperto difensore centrale, che si renderà protagonista di un altro errore sul secondo gol. Sicuramente una giornata da dimenticare, per lui e per la Fiorentina.

CLASSIFICA TOP:

  • Medaglia di bronzo per Daniel Osvaldo. L’attaccante della Roma rende possibile una vittoria sul Novara che dopo il vantaggio di Caracciolo non era poi così scontata. Con De Rossi in veste di difensore centrale e un Totti in pessima forma è lui il vero trascinatore dei giallorossi: un gol e due assist regalano i tre punti alla squadra per la corsa al posto Champions e la gioia personale di aver risposto ai tifosi scettici che non avevano visto in lui il bomber di cui la squadra ha bisogno.
  • Secondo posto per Mattia Destro del Siena. L’Udinese esce dall’Artemio Franchi priva di punti e il giovane attaccante dell’Under 21 si rende protagonista per grandi spunti individuali (di cui un palo) e del gol che decide la partita. I bianconeri vedono la salvezza ad un passo e il merito è soprattutto suo.
  • Il migliore della trentesima giornata è lo juventino Arturo Vidal. La rincorsa al Milan capolista è sempre più veloce, soprattutto dopo il 3 a 0 rifilato al Napoli. Il cileno mette in bella mostra tutto il suo talento con tante belle giocate e un gol semplicemente spettacolare. I quasi venti milioni spesi dalla Juve per acquistarlo stanno iniziando a rendere.
Commenti