Reja in estasi: “La Lazio è da scudetto”

di Ivano Sorrentino 5 marzo 2012 15:19

La Lazio non vinceva entrambi i derby dagli anni 90 ma dopo il successo di ieri anche questo traguardo è diventato realtà. Il tuo però si colloca in una stagione che i biancocelesti stanno giocando alla grande, rendendosi autori di prestazioni davvero di alto livello come appunto quella di ieri. Il merito è sicuramente di un gruppo di giocatori che sembra aver trovato un giusto mix, il tutto condito dai goal di Klose e della classe di Hernanes. Il direttore d’orchestra è però sempre lo stesso: ovvero quell’Eddi Reja che proprio qualche settimana fa sembrava deciso ad abbandonare la squadra per divergenze con il presidente Claudio Lotito.

Ora però è tornato il sereno ed a dichiararlo è lo stesso trainer: Vorrei chiarire un aspetto, abbiamo concordato con il presidente che il mio rapporto con la Lazio continuerà anche negli anni a divenire. L’importante è accordarsi e continuare quando ci sono delle divergenze. L’importante è che ci sia sintonia con il gruppo e la società“.  Il tecnico inoltre si lascia andare ad una frase che non potrà che far piacere ai sostenitori degli “aquilotti”:”Alla Lazio non manca niente per puntare nello scudetto, deve continuare a crederci. Una squadra come noi che va a pareggiare a Milano e che non perde lo scontro diretto può davvero crederci

Reja infatti, anche sapendo che l’impresa è molto difficile, crede nella rimonta:”Il Milan è più difficile da poter raggiungere, ha una rosa adeguata e dei solisti che possono cambiare sempre la partita. Abbiamo la Juve a tiro, so benissimo che sono grandi squadre ma noi ci auguriamo di fare benissimo e di vincerle tutte. Speriamo che queste squadre crollino anche se sarà un pò difficile“. “L’importante è che recuperi tutti i suoi giocatori e che creda nelle sue possibilità, non credo ci manchi niente“.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti