Real, Mourinho: “Affrontiamo l’Apoel con il massimo rispetto”

Il tecnico portoghese ha commentato il prossimo impegno di Champions League, ricordando a tutti quanto la squadra cipriota si sia distinta per il bel gioco, raggiungendo così un traguardo storico.

di Ernesto Vanacore 26 marzo 2012 20:19

Il Real Madrid sta passando uno dei momenti peggiori della sua stagione. I punti di distacco sul Barcellona si sono ridotti a 6 in campionato e il discorso scudetto si è riaperto inaspettatamente.

Il tecnico Josè Mourinho ha parlato in conferenza stampa prima del match di Champions League contro l’Apoel Nicosia, rompendo il silenzio stampa che durava da diverso tempo: “Io non devo giustificarmi di nulla, non sono io il responsabile e io non ho deciso assolutamente nulla” ha detto l’allenatore portoghese riguardo lo strano comportamento della società: “Sono consapevole che la squadra ha avuto un calo, ci può stare in una stagione così lunga e competitiva su tutti i fronti. Il silenzio stampa non è sinonimo di debolezza, bensì di concentrazione“.

Lo Special One ha poi proseguito parlando dell’imminente partita valida per i quarti di finali della Champions: “Dobbiamo rispettare l’Apoel, hanno fatto una Champions magnifica e meritano di stare dove stanno. Hanno un grande gruppo, che è più importante della qualità di ogni giocatore. In questo sport tutto è possibile, deve essere una lezione per tutti. Basta pensare che hanno eliminato il Lione nello scorso turno, noi andammo molto in difficoltà l’anno scorso con loro. Ringrazio la gente di Cipro per l’appoggio al nostro club, ci sono tanti portoghesi che hanno fatto la storia del club“.

Mourinho però non si nasconde e ammette la superiorità della sua squadra.: “Siamo favoriti, non possiamo negarlo. L’Apoel e il Real non possono essere paragonati, ma li rispetto molto, abbiamo studiato la loro evoluzione. Sarà una partita difficile. La più grande virtù dell’Apoel è che sono una squadra equilibrata, per me è molto importante nel calcio. Sarà difficile decidere domani la qualificazione, basti pensare al CSKA. Spero che dopo la partita si parli dei giocatori e non dell’arbitro“.

Domani non ci sarà un grande regista come Xabi Alonso e il portoghese pensa ai sostituti: “Khedira domani giocherà, per affiancarlo ho diverse opzioni. Una di queste è Granero, che ci può dare equilibrio. Il nostro obiettivo è di andare in semifinale per due anni di fila. Coentrao è recuperato dal suo infortunio, sta bene e tutti sono pronti per giocare domani“.

Non sono arrivate le aspettate critiche al difensore suo connazionale, scoperto a fumare la settimana scorsa dallo stesso tecnico.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti