Real Madrid nel caos, Mourinho: è rottura con i suoi giocatori?

di Simona Vitale 21 Settembre 2011 19:07

Tempi duri per Josè  Mourinho. L’ex allenatore dell’Inter, a Milano era idolatrato sia dai tifosi che dai giocatori che lo amavano davvero tantissimo, ma adesso al Real Madrid la musica è diversa.

Secondo quanto riportato dal quotidiano El Pais, le dichiarazioni rilasciate dallo Special One, dopo la sconfitta della sua squadra a Valencia contro il Levante, avrebbero negativamente sorpreso taluni dei suoi giocatori.

Mou, a proposito dell’espulsione durante la partita di Khedira, ha dichiarato che “il giocatore avrebbe fatto una cosa davvero infantile”, rimanendo deluso proprio da lui che si è sempre mostrato estremamente tranquillo, e dicendo che non si sente affatto responsabile della rissa che ha portato al cartellino rosso del suo giocatore.

L’allenatore ha anche, implicitamente, addotto tale espusione come causa della sconfitta del Real, dichiarando: “una cosa è giocare in 11 contro 11, altra è giocare in 10 contro 11″.

Questa presa di posizione non è affatto piaciuta all’interno dello spogliatoio, dove ormai sembrano essersi formate delle vere e proprie fazioni.

Da un lato ci sono giocatori, che pur restando nell’anonimato, hanno dichiarato che Khedira, non avrebbe fatto altro che seguire le indicazioni tattiche dello stesso Special One, che si sarebbe preoccupato maggiormente  di aggredire l’arbitro, che non pensare a come affrontare la difesa del Levante.

Altri rimangono al fianco di Mou, come Ronaldo, Pepe, Marcelo e Di Maria, che è assistito dallo stesso procuratore dell’allenatore.

Altri come Casillas, Ramos, Xabi Alonso non tollerano più che Mourinho giustifichi le sconfitte della squadra adducendole ora all’ Uefa, ora agli arbitri o sparando a zero sulla Federcalcio spagnola.

Altri ancora come Kakà e Granero avvertono una mancanza di fiducia nei loro confronti da parte dell’allenatore. La sensazione generale  è che Mourinho nulla abbia fatto per risolvere il problema della difficoltà del Real nell’affrontare le piccole squadre, che sembrano essere perfettamente in grado di impedire le ripartenze madriliste  senza che Mou riesca a far qualcosa, ma preoccupandosi solo di colpevolizzare a destra e sinistra i “presunti”colpevoli delle sue disfatte.

Che l’Inter adesso possa pensare a riprendersi il suo “amato e indimenticabile” Special One? Ai posteri l’ardua sentenza.

Commenti