Presentata la seconda maglia del Napoli: la casacca è blù

Inler e Aronica sfoggiano con orgoglio la seconda maglia: tante le novità e le sorprese

di Nadia Napolitano 18 Luglio 2012 13:08

Proprio come successo ieri per la presentazione della prima maglia, dal classico colore azzurro, quest’oggi, alle ore 12.30, è stata data in pasto al pubblico la seconda casacca ufficiale. La divisa, con lo stesso motivo stilistico dell’altra per coletto e maniche, è di colore blù notte. Salvatore Aronica e Gohkan Inler si sono prestati come modelli, calcando il piccolo palchetto allestito apposta per accoglierli. Il resp0nsabile dell’area marketing della società, Alessandro Formisano, da il via alla presentazione con qualche minuto di ritardo rispetto alla tabella di marcia. Ritrovati tutti sul palco, il manager rompe subito gli indugi, aprendo le danze con una breve introduzione.

Tra le tante novità, una nota curiosa riguarda il pantaloncino, il cui lembo anteriore sporge, deliberatamente, rispetto a quello posteriore, per motivi stilistici. Queste le sue parole: “Casacca blu, stesso motivo per il colletto e le maniche della prima maglia. Presenti anche delle fasce azzurre sulla parte laterale della maglia. Un dettaglio del pantaloncino prevede il lembo anteriore leggermente più lungo di quello posteriore, è una scelta prettamente stilistica“.

A quanto pare, appunto, ciascun dettaglio pare essere curato com dovizia di particolari. Nulla è lasciato al caso, e tutto è è stato trattato con grandissima attenzione. Del resto, il potere del merchandising sta acquisendo un raggio d’azione sempre più ampio. Il marchio Napoli, nel mondo, inizia a dettare le proprie leggi. In questo, il dottor Formisano ha dimostrato sagacia e grande intuito. Considerando la giovane età del club, finora sono stati mossi passi enormi.

Lasciamo lavorare gli addetti con la dovuta calma. Nel giro di qualche anno, con l’approdo della squadra su palcoscenici via via sempre più prestigiosi, il nome ed i colori tanto cari ai partenopei potranno tranquillamente fare il giro del globo, riscuotendo successo ovunque. Si tratta soltanto di avere pazienza. La crescita tecnico-agonista del club è sotto gli occhi di tutti.

Commenti