Per la Fiorentina è crisi nera. Delio Rossi: “Dobbiamo guardare la classifica”

di Ivano Sorrentino 27 Febbraio 2012 1:35

La Fiorentina scivola sempre più giù. Questo emerge dall’ennesima sconfitta dei viola arrivata questa sera contro una Lazio che ha messo in campo molta più cattiveria degli avversari e che dunque ha raccolto tre punti molto importanti. La Fiorentina infatti non è stata capace di arginare Miroslav Klose, match-winner dell’incontro, e di creare seri pericoli dalle parti di Marchetti. L’attacco viola infatti sembra essere sempre più inconsistente, ma ad avere colpe è l’intera squadra che non riesce più ad esprimere un calcio degno della storia del club. Il risultato è che i toscani scivolano sempre più in basso e al momento sono distanti solamente tre punti dalla zona retrocessione, una posizione che non fa certo dormire sogni tranquilli anche perchè molti azzardano addirittura un paragone con la Sampdoria dello scorso anno.

Dietro infatti ci sono squadre come Siena e Lecce che man mano stanno crescendo e macinando punti importanti, mentre la Fiorentina continua a stentare. Il tecnico Delio Rossi però è cosciente del fatto che ora bisogna seriamente pensare ad evitare la rapida discesa: “In questo momento dobbiamo confrontarci con la classifica, che ci vede coinvolti nelle zone basse. Dopo un brutto primo tempo abbiamo giocato meglio il secondo, anche se la Lazio ci ha concesso pochi spazi. Meritavamo forse qualcosa in più, ma abbiamo perso e quindi dobbiamo tornare a casa molto rammaricati”.

Parole dunque che lasciano bene intendere lo stato d’animo del coach che non è riuscito a dare una sterzata positiva alla squadra. Alcuni giocatori però sembrano letteralmente svogliati e questo non aiuta soprattutto se i viola dovranno lottare contro squadre che invece stanno mettendo l’anima in campo. Rossi quneuq dovrà cercare in questa settimana di lavorare sul piano psicologico affinchè giocatori che prima facevano la differenza, come ad esempio il centrocampista Montolivo, ritornino sui livelli di un tempo.

Commenti