Mercato Roma: Alvarez in arrivo, Vucinic in partenza

di David Spagnoletto 13 Giugno 2011 11:03
Spread the love

La Roma è vicina al suo primo colpo stagionale: Ricky Alvarez del Velez, classe 1988. Il costo dell’operazione si aggira sugli 8 milioni di euro. Il centrocampista argentino è il primo regalo del direttore sportivo Walter Sabatini al neotecnico Luis Enrique. Alvarez è un calciatore che si sposa bene col 4-3-3 dell’allenatore spagnolo grazie alla sua grande tecnica individuale, velocità e rapidità nelle giocate. Nella settimana che è appena iniziata si metterà nero su bianco e Alvarez diventerà a tutti gli effetti un giocatore della Roma.

Roma che deve gestire la situazione legata a Mirko Vucinic. L’attaccante ha sempre vissuto un rapporto di amore e odio (sportivo) con la città, ma mai come in questo momento la bilancia pende per il secondo sentimento, che sta facendo meditare l’addio al montenegrino, su cui si sono già mosse Juventus e molte squadre della Premier League. Venerdì il suo procuratore, Alessandro Lucci, ha smentito il passaggio di Vucinic in bianconero:

Mirko alla Juventus? Non c’è nulla di vero, dobbiamo prima chiarire la situazione con la Roma, la prima opzione è di rimanere e la seconda di trovare un’alternativa, ma la seconda dipende dalla prima, per ora tutte le voci su un suo addio alla Roma non sono da prendere in considerazione.

Tornando sul fronte acquisti, Luis Enrique vorrebbe portare con sé, oltre al l’ormai noto Bojan Krkic, il terzino destro Montoya Enrique per svecchiare la corsia presieduta da Cassetti, uno dei pochi a salvarsi in questa deludente stagione giallorossa. Stando alle parole nella conferenza stampa di venerdì scorso Sabatini ha dichiarato che per fare mercato ci sarà tempo fino al 31 agosto e che negli ultimi giorni di compravendita si fanno gli affari migliori.

Ciò che è certo è che la Roma punterà sui giovani. Intanto ieri sera la Roma Primavera si è laureata per la settima volta Campione d’Italia contro il Varese, battendolo per 3-2, grazie alla tripletta di Mattia Montini.

Commenti