Caso Kaladze: Il Genoa farà ricorso

Il club rossoblù in difesa del giocatore che non avrebbe esclamato alcuna bestemmia ma solamente la frase "se ero al Milan non mi ammonivi"

di Ivano Sorrentino 18 Ottobre 2011 13:46

C’è tantissima rabbia nell’ambiente genoano dopo la decisione del giudice sportivo di squalificare il difensore georgiano Kaladze per ben quattro giornate. Il giocatore infatti, durante l’ultima gara di campionato che il Genoa ha giocato contro il Lecce, si è reso protagonista di una doppia ammonizione per proteste. Il secondo cartellino giallo sarebbe stato causato da una frase offensiva che Kaladze avrebbe rivolto all’arbitro Gava, in quanto nel referto si parlerebbe addirittura di bestemmia. Secondo quanto riportato dai quotidiani genovesi però il difensore non avrebbe esclamato alcuna bestemmia, ma avrebbe solamente pronunciato la frase “se stavo al Milan non mi avresti ammonito”. Il Genoa dunque, avendo pienamente fiducia nel suo calciatore, è pronto a presentare ricorso per cercare di diminuire la squalifica ad almeno 2 giornate. Nella decisione del giudice però potrebbe influire il fatto che Kaladze si era già reso protagonista di alcuni litigi con i direttori di gara già quando vestiva la maglia rossonera.

Tags: arbitro · genoa
Commenti