Bordata di fischi per Conte al Galà del Calcio

Il comportamento irrispettoso del tecnico della Juventus non è piaciuto all'opinione pubblica

di Nadia Napolitano 28 Gennaio 2013 11:09

Antonio Conte è stato accolto da una pioggia di fischi al Gran Galà del Calcio, ospitato presso il teatro Dal Verme di Milano nella serata di ieri. Il tecnico della Juventus, reduce da una contestazione funesta e a dir poco fuori luogo nei riguardi dell’arbitro Marco Guida (nativo di Torre Annunziata), accusato dalla dirigenza bianconera di favorire subdolamente il Napoli ai danni delle inseguitrici. In ogni caso, Conte non avrebbe dovuto inveire con tanta violenza nei riguardi di un direttore di gara finora stimato e apprezzato.

In compagnia di Gianluigi Buffon, insignito del riconoscimento di ‘Miglior Portiere del 2012’, il tecnico è stato male accolto dai presenti in sala. L’estremo difensore, non curante della situazione, si è lasciato andare a dichiarazioni altisonanti: “La Juventus deve cercare di confermarsi. Quanto fatto fino a luglio è stato molto bello ma siamo già proiettati in un’altra dimensione. Per dimostrare che quanto fatto l’anno scorso non è stata una casualità dobbiamo darci da fare. Il nostro auspicio è confermare la leadership in Italia e non sarà facile, la concorrenza è agguerrita e abbiamo grande rispetto per Napoli e Lazio, le altre sono un po’ arretrate“.

Voi credete giuste le contestazioni mosse a Conte? In effetti l’allenatore avrebbe anche potuto contenersi in virtù di quanto rappresenta: sbraitare a squarciagola, tirare pugni contro i cartelloni pubblicitari ed affrontare a brutto muso l’arbitro non sono sembrate scelte ben ponderate.

Beppe Marotta, poi, ha rincarato la dose, con illazioni che tutto tolgono al bello di questo sport: “E’ un periodo che si susseguono azioni da rigore non concesse. Mi auguro non sia malafede, sicuramente non lo è. L’arbitro Guida di Torre Annunziata, provincia di Napoli, forse era in difficoltà. Non la ritengo una designazione felice, mette in difficoltà un arbitro giovane. Contesto la designazione, non parlo di malafede. Dico solo che non si mette nelle migliori condizioni un giovane arbitro napoletano di arbitrare la Juventus“. Che provvedimenti verranno presi in merito?

Commenti