Palermo imbattibile in casa: la Fiorentina cade al Barbera

La Fiorentina non ce la fa al Barbera, dove viene sconfitta con i gol di Miccoli (infortunatosi alla fine del primo tempo) ed Ilicic. Prima sconfitta in viola per Delio Rossi contro la sua ex squadra.

di Flavio Li Volsi 27 novembre 2011 17:08

Rientro amaro a Palermo per Delio Rossi, nonostante l’accoglienza con una standing ovation dai suoi ex tifosi che hanno un ricordo positivo dell’uomo che, ad inizio stagione, rifiutò il “tira e molla” di Zamparini. La Fiorentina esce sconfitta per 2-0 dal Barbera, per merito di un Palermo in gran forma e letteralmente imbattibile tra le proprie mura.

La partita inizia con vivacità e passeranno sei minuti perché ci sia la prima grande occasione del match: Natali colpisce di testa su un croda dalla destra, ma Benussi è pronto sulla respinta. Il Palermo prova a pungere, ed al14esimo Ilicic va vicino ad in gol impossibile, con un tiro dalla linea di fondo che attraversa la porta.

Al 21esimo arriva il gol del vantaggio rosanero: Miccoli viene involato da un assist di Ilicic verso la porta avversaria in posizione regolare e, a tu per tu con Boruc, la mette dentro con freddezza.

Quando manca un quarto d’ora alla fine del primo tempo, Gilardino controlla una palla volante in area che va a finire sul braccio di Silvestre che, seppur vicino al pallone, è molto largo: il rigore può starci, ma l’arbitro Russo decide di far proseguire. A 5 minuti dalla fine del primo tempo il Palermo subisce un brutto colpo: Mangia è costretto a sostituire Miccoli con Varela a causa di un infortunio occorso al salentino.

Il secondo tempo riparte con la Fiorentina in avanti, che prova a sfondare subito con un tiro dalla distanza di Cerci che finisce di poco a lato, ma il Palermo difende bene gli spazi. Al 15esimo arriva un gran tiro di Montolivo dalla distanza, ma Benussi vola e devia in angolo. Tre minuti dopo si ripete sempre l’ex atalantino con un’autentica fucilata di sinistro al volo, ma il pallone termina a lato. Al 25esimo arriva una grande occasione per il pareggio viola: Natali si ripete in un colpo di testa su cross di Cerci, ma il pallone si stampa sulla traversa.

Gol sbagliato, gol subito: due minuti dopo Ilicic si guadagna una punizione dal limite che, lui stesso, trasformerà in gol calciando violentemente di sinistro e battendo Boruc. Nel finale di partita arriverà l’espulsione per doppia ammonizione a Natali, che lascerà la sua squadra a giocare il recupero in 10.

Il Palermo dà una prova in cui tutti escono a voti alti – Miccoli, Ilicic e Bacinovic su tutti – e incassa meritatamente i tre punti. Brutta prova della Fiorentina, che è rimandata a giudizio: la squadra è la stessa dell’era Mihajlovic, ma è solo la seconda partita della gestione Delio Rossi che avrà ancora molto da lavorare.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti