Liga, si va verso un’inaspettata sfida a due

La Liga spagnola sta riproducendo il consueto duello Barcellona vs Madrid, ma la rappresentante della Capitale iberica non è il Real ...

di Antonio Pio Cristino 26 Novembre 2012 9:19

La regola del quattro è ormai quasi una consuetudine per il Barcellona abituato a dilagare contro avversari inferiori soprattutto nel massimo campionato iberico. I blaugrana appaiono sempre più i padroni incontrastati dell’edizione 2012/13 della Liga dopo dodici vittorie ed un pareggio nei primi tredici incontri disputati, ma dietro il caterpillar della Catalogna Madrid non molla. La capitale del regno si aggrappa ad una delle sue compagini per scongiurare un prosieguo di stagione da semplice comparsa, tuttavia questa protagonista non è il consueto Real ma la formazione a strisce biancorosse, i cugini ‘poveri’ di Ronaldo e company, l’Atletico Madrid.

QUATTRO A ZERO – Il Barcellona ha dilagato a Valencia contro il Levante, rifilando un sontuoso poker realizzato in appena sedici minuti alla neo qualificata ai sedicesimi di Europa League. Dal 47′ al 63′, Messi, doppietta, Iniesta e Fàbregas hanno costretto il pubblico di casa ad alzarsi in piedi ed applaudire la squadra più forte del mondo ed i suoi incontestabili campioni. Barkero del Levante ha fallito un calcio di rigore a fine partita.

L’Atletico Madrid però non ha intenzione di mollare. La formazione guidata dal ‘Cholo’ Simeone non si è fatta frenare da un Siviglia in ripresa, infilando quattro volte il suo estremo difensore Palop. Falcao è tornato al goal dopo duecentosettanta minuti anche se solo su calcio di rigore. L’Atletico ha poi raddoppiato grazie ad un’autorete di Spahic, triplicato con Koke e infine imitato il Barcellona con il quarto goal di Miranda, contro un Siviglia che ha concluso l’incontro in otto dopo le espulsioni di Fazio, Luna e Rakitic.

Il tris di 4-0 della tredicesima giornata del massimo campionato spagnolo lo ha messo a referto il redivivo Malaga. Contro il Valencia gli andalusi hanno ripreso a riempire la casella delle vittorie dopo un digiuno durato quasi un mese. Portillo, SaviolaSanta Cruz e Isco in pieno recupero hanno consentito ai biancoazzurri di non far fuggire il Betis e di riavvicinarsi al Real nella classifica di Liga.

REAL KO – Proprio Betis Siviglia-Real Madrid è stato il match dall’esito meno previsto del tredicesimo turno di Liga. I biancoverdi infatti hanno costretto i ragazzi di Mourinho alla terza sconfitta stagionale in campionato con un goal di Benat. La seconda squadra di Siviglia è salita così al quarto posto in classifica insieme al Malaga, accorciando a quattro punti il divario dal terzo gradino del podio occupato proprio dai campioni di Spagna in carica.

ZONE CALDE –  L’Espanyol ha perso in casa contro il Getafe (0-2, Pedro Leòn e Mané), ed è stato superato dall’Osasuna, reduce dal pareggio a reti bianche dell’anticipo del venerdì in casa del Real Sociedad, nella parte bassa della classifica di Liga. Il Rayo Vallecano invece continua a tenersi a debita distanza dalla zona retrocessione grazie al 2-0 ottenuto nel finale dello scontro diretto del ‘Vallecas’ contro il Mallorca (Leo e Delibasic).

Il Valladolid ha battuto il Granada con una rete di Manucho al 63′, mentre l’altro scontro diretto di bassa classifica ha visto Athletic Bilbao e Deportivo La Coruna dividersi la posta in palio al ‘San Mamés’. De Marcos aveva portato in vantaggio i baschi padroni di casa rimontati da Aguilar.

Commenti