Il Napoli risponde alla Juve, vittoria e sofferenza

I partenopei non perdono un colpo e al San Paolo battono l'Udinese raggiungendo la Juve.

di Ivano Sorrentino 7 Ottobre 2012 23:19

Sembra già essere un vero e proprio testa a testa. Al San Paolo il Napoli si riprende la vetta battendo un’ostica Udinese grazie alle reti di Hamsik e Pandev intervallate dal sigillo friulano di Pinzi.

Alla vigilia tutto l’ambiente napoletano era molto in apprensione per una gara contro un avversario che ha sempre dato filo da torcere agli azzurri del tecnico Mazzarri. In realtà i padroni di casa partono subito bene e non sentono assolutamente il peso della vittoria della Juventus che nel pomeriggio aveva distanziato i partenopei di tre lunghezze scattando da sola al comando della graduatoria. Nei primi 20’minuti infatti il Napoli si fa spesso vedere dalle parti del portiere friulano Brkic, impensierendolo spesso con alcune conclusioni dalla media distanza. Per mettere la partita sui binari giusto però bisogna segnare e a farlo ci pensa il solito Marek Hamsik che al 30’esimo minuto riesce a rompere gli indugi regalando al Napoli un vantaggio sicuramente meritato.

La partita sembra dunque essere in discesa per i partenopei che sembrano controllare facilmente il gol di vantaggio. Al 43’esimo però Maicosuel serve Pinzi che raccoglie l’assist e deposita alle spalle di De Santis il gol del pareggio. Con il gol del pari dell’Udinese a soli pochi minuti dalla fine della prima frazione in molti sono convinti che le squadre andranno a riposo sul punteggio di 1-1. Al 46’esimo però Goran Pandev con un velenoso tiro riporta in vantaggio i partenopei che vanno così a riposo sul risultato di 2-1. Nel secondo tempo l’Udinese prova a spingere per cercare di raddrizzare la partita ma non si rende quasi mai pericolosa consegnando così una vittoria importante alla squadra di Mazzarri. Ora l’attenzione del Napoli è sicuramente riposta nel match che vedrà impegnati gli azzurri il prossimo 20 Ottobre allo Juventus Stadium contro i bianconeri, una partita di fondamentale importanza.

Commenti