Chelsea, tempi di crisi per Villas Boas

Aria di crisi per il Chelsea e il suo tecnico Villas Boas. L'inizio dei blues in Champions e in Premier, con il giovane tecnico portoghese, è il peggiore da quando Roman Andanovich ha rilevato il club inglese nel 2003. Si vocifera nell'ombra l'arrivo di Guus Hiddink, se le cose continueranno a peggiorare.

di Simona Vitale 25 novembre 2011 9:28

Il giovane tecnico portoghese André Villas-Boas sta duramente combattendo per il suo futuro al Chelsea dopo soli cinque mesi di incarico. Il 34enne allenatore era stato chiamato a sostituire Carlo Ancelotti, dopo che la passata stagione si era conclusa per  con il secondo posto in Premier League e l’eliminazione dalla Champions League ai quarti di finale contro il Manchester United.

Ebbene le cose non sono certo migliorate da quando Villas Boas allena i blues. La preoccupazione serpeggia tra i giocatori, poichè la squadra anzichè avanzare, sembra retrocedere. Non sembrano effettivamente convinti della tattita del tecnico o della sua capacità di prendere le giuse decisioni quando le cose iniziano sul campo ad andare male per la squadra.

Villas Boas era stato ingaggiato per tentare un doppio assalto sia alla Premier League che alla Champions. Ma, a conti fatti, ora, il Chelsea rischia l’eliminazione dalla massima competizione europea, mentre in Premier occupa il 5°posto. Solo la differenza reti salva la squadra, che altrimenti, per i punti accumulati, sarebbe invece settima. Si tratta del peggior inizio della storia dei Blues da quando Roman Andanovich ha rilevato la squadra nel 2003.

Considerato anche che il numero uno del Chelsea ha speso per 13 milioni di sterline per portare nella sua squadra Villas Boas dal Porto, certamente questo declino non sarà permesso all’infinito. Già ci sono stati degli incontri tra il giovane tecnico, la società ed anche i giocatori, per cercare una soluzione che metta d’accordo un pò tutti.

Voci interne alla società hanno rivelato che:  “E ‘in momenti come questi che i giocatoriguardano al responsabile per la forza e la leadership, ma non riescono a trovarla in Villas-Boas. E ‘giovane, ha solo 34 anni e forse il club si sta chiedendo se ha commesso un errore nel portare in campo un allenatore forse ancora troppo inesperto per un campionato come la Premier League. C’è stato un grande rispetto per Ancelotti ma non c’è la stessa sensazione nei confronti di Villas-Boasal momento.”

Ultima tegola per Villas Boas il fatto che Guus Hiddink sia in agguato nell’ombra dopo aver lasciato il suo lavoro come tecnico della Turchia.

18 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti