10° giornata: i consigli per il fantacalcio

Rubrica dedicata interamente ai fantallenatori, con i nostri suggerimenti riguardo i giocatori da schierare o meno.

di Ernesto Vanacore 29 ottobre 2011 14:33

Nel corso di questa rubrica analizziamo tutte le partite della decima giornata di serie A, così da potervi indirizzare sulle scelte difficili che tutti i fantallenatori incontrano ogni sabato.

  • BOLOGNA – ATALANTA:

Partita difficile per entrambe le squadre. Da un lato il Bologna voglioso di vincere in casa e in attesa del ritorno al gol di Marco Di Vaio. Dall’altra parte troviamo un’Atalanta in stato di grazia, già capace di far soffrire l’Inter e di rischiare di vincere con i nerazzurri milanesi.

  • Bologna: oltre al capitano, potrebbe essere una scelta azzeccata Acquafresca, fin qui capace di sopperire all’evanescenza del compagno. Scelta a sorpresa potrebbe essere l’ uruguaiano Perez, che fin qui si è comportato egregiamente ed è alla ricerca del gol per far lievitare la sua media voto. Da evitare assolutamente gli esterni difensivi (Garics, Morleo), perchè fin qui l’Atalanta ha sempre demolito le avversarie sulle fasce laterali. Meglio non rischiare la carta Portanova, che potrebbe soffrire del potenziale offensivo avversario.
  • Atalanta: inutile ripetere i soliti nomi come Moralez e Denis, che stanno dimostrando il loro valore di partita in partita. Stesso discorso vale per Schelotto. Un altro centrocampista che potrebbe facilmente fare la differenza è Bonaventura: l’esterno ha dimostrato grandi abilità tecniche e atletiche, mandano in confusione giocatori come Maicon e Zanetti nell’ ultima partita. Da evitare giocatori come Cigarini (che rischia di essere oppresso dal pressing di Mudingay) e Padoin (probabile sofferenza nel dover marcare Ramirez).
  • CAGLIARI – LAZIO:

I biancocelesti partono con i favori del pronostico, dovendo riscattare il pareggio casalingo dell’ultima giornata. Il Cagliari vuole continuare nel percorso di crescita che lo ha portato fin qui al quarto posto in classifica.

  •  Cagliari: L’ agilità di Cossu può sempre essere letale per la difesa della Lazio e prima o poi il folletto cagliaritano dovrà pur segnare. Altro centrocampista da schierare assolutamente è Nainggolan: fin qui si è dimostrato padrone del centrocampo, capace anche di rendersi pericoloso con inserimenti e tiri da fuori. Nenè è un giocatore a rischio in questa partita. E’ vero che ha segnato molto fin qui ma non sarà facile ripetersi contro questa squadra. Da evitare Biondini, data la presenza ingombrante di Hernanes nella sua zona di campo, e soprattutto i due centrali Canini e Ariaudo (non avranno vita facile con gli attaccanti avversari).
  • Lazio: Il primo nome è ovviamente quello di Miroslav Klose: l’ attaccante sta dimostrando di essere quel bomber di razza che mancava al calcio italiano. Senza dubbio sta dimostrando che il suo nome non è solo leggenda ma è una bellissima realtà per la Lazio. Importante da segnalare la quasi sicura presenza dal primo minuto di Rocchi (alla ricerca del 100esimo gol in biancoceleste) che agirà al fianco di Hernanes. Interessanti da vedere saranno anche Lulic e Marchetti (che ha voglia di farsi rimpiangere da Cellino). Da non inserire il difensori Diakitè e Radu, chiamati a coprire le incursioni di Cossu e T.Ribeiro. Centrocampista rischioso è invece Brocchi, che potrebbe soffrire la vivacità del centrocampo avversario in fase di non possesso.
  • CATANIA – NAPOLI

Gli etnei vogliono dare continuità al pareggio dell’Olimpico con la Lazio. Stesso discorso per gli azzurri che vogliono agguantare la seconda vittoria consecutiva, con un occhio alla partita di mercoledì col Bayern
  • Catania:  L’attaccante argentino Bergessio ha trovato una confidenza con il gol che mancava fin ora e potrebbe approfittare del turn over del Napoli in difesa.  Situazione diversa per Maxi Lopez, che proprio contro la difesa decimata degli avversari potrebbe decidere di svegliarsi e tornare al gol. Per il centrocampo Almiron non si discute. Non è sicura la buona riuscita di Izco e Marchese sugli esterni poichè potrebbero soffrire il dinamismo di Dossena e Zuniga. Discorso quasi analogo per Lodi che rimane una grande incertezza dovendosi confrontare con Inler e con la pressione di Dzemaili.
  • Napoli: Gli attaccanti Lavezzi e Mascara (grande ex di giornata) potrebbero rivelarsi decisivi fin quando Cavani rimane lontano dal suo alter ego dell’anno scorso. Ci si aspetta una buona partita anche da parte di Zuniga che avrà di fronte a se un lento Marchese. Inler deve riprendere in mano il centrocampo rispetto alla partita con l’Udinese, ma non andrebbe rischiato dato che Mazzarri pensa più alla partita col Bayern. Andrebbero evitati i difensori Fernandez (che deve ancora dimostrare tanto) e Cannavaro dal momento che si trovano a gestire una difesa inedita e quindi molto pericolosa. Il Matador Cavani resta un dubbio.
  • FIORENTINA – GENOA

I viola cercano riscatto dopo la sconfitta di Torino e cercheranno di mettere in campo la vivacità mostrata nel secondo tempo.  I genoani galvanizzati dalla vittoria sul filo di lana con la Roma ripropongono una squadra che punta più alla fisicità che al tatticismo.
  • Fiorentina: I gigliati ripartono da Jovetic. Il centrocampista è un punto fermo inossidabile quando gioca dietro le punte e quando gioca in quel ruolo va schierato obbligatoriamente. Gamberini resta fondamentale per la difesa e sicuramente rappresenterà un problema per Palacio e compagni. Per il centrocampo Vargas vuole conquistare il posto da titolare e parte molto motivato. Montolivo rappresenta invece un rischio dato il grande dinamismo del centrocampo avversario. Da non inserire Gilardino: è un ottimo attaccante, ma non essendo ancora in forma rischia di non segnare e di prendere un voto basso. Altro giocatore di difficile riuscita è Munari, che fin qui ha dimostrato ben poco e difficilmente lo farà contro un Genoa così in forma.
  • Genoa: Senza dubbio l’attaccante Rodrigo Palacio va messo in campo anche stavolta. Sta giocando troppo bene quest’anno per tenerlo fuori. Seymour può essere una piacevole sorpresa, così come Veloso (bravo a dettare i tempi) e Jankovic (che nonostante un anno di assenza vuole dimostrare di essere ancora un grande attaccante). Pericoloso inserire Mesto in difesa (dovrà vedersela con Vargas) e Frey (difficile prevedere come sarà l’impatto di fronte ai suoi ex tifosi). Un confronto interessante sarà sicuramente quello tra i due giovani Romulo e Merkel.
  • INTER – JUVENTUS

Si affrontano due squadre che vivono momenti molto diversi. La Juve va incontro ad una trasferta storicamente ostica e cercheranno di sfruttare il momento positivo che li ha portati in testa alla classifica. L’ Inter deve far fronte ad una serie di risultati non troppo esaltanti ed è ferma a 8 punti. Dovranno puntare sul fattore casa.
  • Inter: I nerazzurri puntano sulla voglia di rivalsa di Sneijder, già a segno contro l’Atalanta. Maicon è sempre una sicurezza e la carta a sorpresa potrebbe essere il giovane centrocampista Joel Obi. In attacco il titolare è Pazzini, ma anche Zarate andrebbe schierato, poichè quest’anno ha segnato quasi sempre subentrando all’italiano. Chivu resta un’incognita e potrebbe soffrire la potenza fisica di Matri. Anche Stankovic potrebbe non rendere al meglio a causa del suo precario stato di forma. Rischioso dare fiducia anche a Castellazzi e Nagatomo.
  • Juventus: Matri sta attraversando un periodo troppo esaltante per non schierarlo titolare. Stesso discorso vale per Simone Pepe, che potrebbe mettere in seria difficoltà l’esterno giapponese Nagatomo. Pirlo  e Marchisio attraversano un momento di grazia troppo bello per non giocare. Rischioso inserire Vidal che si è dimostrato spesso troppo impreciso in fase di rifinitura. Evitare invece Buffon (appena tornato dall’infortunio) e Bonucci, che potrebbe soffrire la velocità di Pazzini.
  • LECCE – NOVARA

Scontro salvezza importante per entrambe le squadre. Il Lecce parte favorito a fronte delle belle partite fin’ora giocate tra le mura amiche. Non deve però sottovalutare la grinta del Novara.
  • Lecce: Il centrocampista Piatti sembra il più indicato a far male agli avversari, data la sua imprevedibilità sulla fascia. Anche da Strasser ci si aspetta la solita prestazione di grande fisicità in mezzo al campo. Rischioso inserire Corvia (apparso fin qui fuori forma) e il difensore Carrozzieri.
  • Novara: Il trascinatore sarà come sempre Rigoni (difficile non metterlo). La velocità di Jeda potrebbe mettere in difficoltà i lenti difensori centrali leccesi. Anche Gemiti, che fin qui ha giocato bene, non dovrebbe avere problemi a contrastare Cuadrado. Il dubbio resta Mazzarani, giocatore capace di alternare grandi prestazioni a partite da serie C. Evitare invece Dellafiore (nelle ultime gare ha reso ben poco in campo) e Radovanovic (grintoso sì, ma troppo falloso).
  • PARMA – CESENA

Il Parma riparte dalla sconfitta di Milano e si affida ai suoi attaccanti. Il Cesena arriva al Tardini con il dovere di portare a casa punti salvezza indispensabili .
  • Parma: E’ quasi inutile dirlo, Giovinco resta la stella di questa squadra e va schierato obbligatoriamente. Pellè potrebbe essere la mossa a sorpresa dato che ha fatto vedere belle cose fino a questo momento. Anche Mirante è una certezza di questa squadra e può essere inserito tra i titolari. Da evitare Jadid  (troppo incerto fin qui).
  • Cesena: I centrocampisti Candreva e Parolo sono chiamati a fare la differenza e daranno sicuramente qualità al centrocampo. L’attaccante Eder rappresenta sempre un pericolo per la difesa avversaria. Rischioso far giocare Von Bergen (dovrà fermare Giovinco) e Martinez (fin qui mai decisivo).
  • ROMA – MILAN

Altro big match di questa giornata che vede affrontarsi due squadre protagoniste fin qui del campionato. La Roma riparte dalla sconfitta col Genoa mentre il Milan è in cerca dell’ennesima vittoria consecutiva per puntare alla vetta della classifica.
  • Roma: L’italo-argentino Osvaldo è la vera sorpresa di quest’ anno e vuole consacrarsi segnando al Milan. La classe di De Rossi non si discute e il centrocampista va sempre schierato. Marco Borriello  è intenzionato a confermare la sua presenza da titolare anche in futuro e ha le giuste motivazioni per far bene. Difficile dare un giudizio su Pjanic, che potrebbe soffrire del dinamismo del centrocampo dei rossoneri. Molto rischioso far giocare Gago (molto falloso e impreciso ultimamente), e Burdisso (se si può evitare di far giocare gli avversari di Ibrahimovic è sempre meglio).
  • Milan: I due attaccanti Cassano e Ibrahimovic vanno schierati obbligatoriamente. Troppo imprevedibili quando giocano insieme e sempre capaci di cambiare la partita in un attimo. Boateng deve confermare il momento positivo, così come T.Silva è chiamato a salvare la difesa rossonera. Non è così scontata la buona prestazione di Nocerino, che potrebbe soffrire della qualità del centrocampo giallorosso. Da evitare Nesta e Zambrotta (fin qui non hanno reso al meglio).
  • SIENA – CHIEVO

Importantissimo scontro salvezza quello che andrà in scena all’Artemio Franchi. Si fronteggiano due squadre che hanno avuto un andamento altalenante fin’ora, anche se il Siena parte favorito.
  • Siena: Scelta consigliata quella di dare fiducia al miglior uomo del momento per i bianconeri: Calaiò. L’altro attaccante (Destro) potrebbe essere una piacevole sorpresa. Anche il centrocampista D’ Agostino e il difensore Del Grosso sono due punti fermi e possono essere tranquillamente schierati. Da evitare invece Mannini e Contini, che potrebbero soffirire la velocità di Pellissier e Cruzado.
  • Chievo: Pellissier è sempre il miglior giocatore e può essere inserito. Anche Cruzado e Jokic stanno disputando un ottima stagione e potrebbero essere scelti tra i titolari. Non convincono ancora Cesar e Bradley, che andrebbero possibilmente evitati.
  • UDINESE – PALERMO

Si affrontano due squadre che stanno esprimendo un bellissimo gioco, anche se solo una (l’Udinese) ha raccolto i meritati frutti.
  • Udinese: Impossibile non schierare il miglior uomo del momento: il capocannoniere Antonio Di Natale. Si rivede in campo Isla e va schierato, così come Danilo in difesa. Asso nella manica potrebbe essere Floro Flores, in cerca di una maglia da titolare fisso. Per chi lo ha a disposizione, un giocatore come Armero o Asamoah fa sempre comodo. Difficile prevedere la buona riuscita di Domizzi e Basta.
  • Palermo: Miccoli e Ilicic hanno voglia di riscatto e vanno inseriti. Balzaretti è sempre una certezza, e anche SIlvestre e Pisano si stanno comportando egregiamente. Rischiosi invece Cetto (ancora da valutare) e Bacinovic (lontano dalle prestazioni dell’ anno scorso) e potrebbero essere lasciati fuori.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti