Catania in rimonta: l’Inter precipita

di Flavio Li Volsi 15 ottobre 2011 21:55

Inizia a preoccupare l’Inter che stasera, al Massimino, si è vista rimontare dal Catania dopo il primo tempo che l’ha vista passare in vantaggio. Il risultato finale è di 2 a 1 per i siciliani, e ora la classifica traballa: l’Inter è quartultima, ad un punto dalla zona retrocessione e con una partita in più rispetto alle altre squadre, Catania ovviamente escluso.

PRIMO TEMPO – Il vantaggio dell’Inter è arrivato con una classica partita da provinciale, con i nerazzurri che si sono serrati in difesa sfruttando le ripartenze: il gol è arrivato con l’unico tiro in porta del primo tempo ed è stato firmato da Cambiasso che, al sesto minuto, si è inserito su un cross di Maicon ed ha infilato in rete. Il resto della prima frazione di gara seguirà un unico copione: l’Inter che difende – bene – gli attacchi del Catania e, di rado, riparte in contropiede ma senza mai impensierire Andujar.

LA RIPRESA CON RIMONTA – All’inizio del secondo tempo arriva subito la botta per i nerazzurri: Lucio, in uno dei suoi frequenti abbandoni della posizione difensiva, si fa saltare a centrocampo da Bergessio che scarica su Almiron. Quest’ultimo, dal limite, trova un destro a giro che va a finire nell’angolo basso della porta. Il Catania trova il pareggio, ma non si accontenta. Passano soltanto quattro minuti, e di nuovo l’Inter si fa sorprendere a centrocampo: Bergessio si invola per le vie centrali e, faccia a faccia con Castellazzi, entra in collisione col portiere nerazzurro (ma neanche i replay chiariscono del tutto se il contatto ci sia davvero). Orsato fischia il tiro da undici metri, che Lodi non fallirà.

INTER SENZA IDENTITÀ – La squadra nerazzurra deve sicuramente trovare una sua identità, dato il ritmo altalenante e sconfitte con avversari di livello minore. Non si può parlare di sfortuna, in questa partita, bensì di approccio sbagliato alla partita: in molti si sarebbero aspettati che l’Inter cercasse di fare la partita, invece che puntare sulle ripartenze. Il merito va ovviamente dato anche al Catania: Almiron e Lodi dominano a centrocampo, Gomez fa impazzire la retroguardia nerazzurra sulla fascia e la rimonta è un segnale di grande spirito di squadra. Uno spirito di squadra che fa volare il Catania a 9 punti, mentre l’Inter staziona a 4.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti